Usa: il governo vara linee guida che autorizzano le discriminazioni per tutelare la libertà di religione

Il Dipartimento della Giustizia degli Usa ha diffuso una direttiva sulla libertà di religione in cui, di fatto, autorizza le discriminazioni contro le persone Lgbt, le madri single e alttr categorie di persone.
Non si tratta di una legge, ma delinea quali saranno le condotte delle corti nei casi su questo tema e come le agenzie federali e le agenzie che lavorano per il governo si comporteranno.

La denuncia di HRC

generali_trump_transgender1Le associazioni per i diritti civili che hanno denunciato la cosa hanno spiegato che, per esempio, un impiegato della Social Security Administration può rifiutarsi di istruire le pratiche per i benefici riconosciuti ai vedovi o alle vedove se si tratta di una coppia dello stesso sesso senza subire ripercussioni. Lo ha spiegato JoDee Winterhof, la vicepresidente di Human Rights Campaign, una delle più grandi organizzazioni statunitensi sui diritti umani.
Un gruppo no profit con un contratto federeale, ancora, potrebbe rifiutarsi di fornire i suoi servizi alle persone Lgbt, anche durante le emergenze, e non correrebbe il rischio di perdere il contratto.
Winterhof ha aggiunto che “è una cosa che avrà un impatto profondo sulla vita quotidiana delle persone”.

A rischio posti di lavoro

E non si tratta solo di vedersi rifiutare servizi, ma anche della possibilità di non essere assunti o di essere licenziati, secondo quanto ha sottolineato Louse Melling, vice direttrice di American Civil Liberties Union. Le linee guida del dipartimento, di fatto, incoraggiano le aziende e le organizzazioni no profit a discriminare in base alle proprie convinzioni religiose.

In nome della libertà di religione

Nel redigere le linee guida, il procuratore generale Jeff Session ha scritto che “la libertà di religione non è semplicemente il diritto alle convinzioni religiose personali e neanche all’adorazione in un luogo sacro. A parte situazioni molto circoscritte, nessuno dovrebbe essere costretto a scegliere tra vivere al di fuori della propria fede e osservare la legge”. “Pertanto, con la massima estensione praticabile e permessa dalla legge, l’osservanza della religione deve essere ragionevolmente permessa in tutte le attività del governo, incluso l’impiego, gli appalti e la programmazione”.
Tra le disposizioni delle linee guide c’è scritto che “i datori di lavoro religiosi possono assumere solo persone le cui convinzioni e condotta sono coerenti con i suoi precetti religiosi”.

Superate le peggiori previsioni

Le linee guida sono state redatte a seguito di un ordine esecutivo firmato da Trump lo scorso maggio. Gli attivisti si aspettavano che inclusessero la “licenza di discriminare” nel linguaggio, ma non è così.
Secondo le associazioni, le conseguenze saranno molteplici. Ad esempio, un dipendente omofobo o transfobico di un rifugio potrebbe rifiutarsi di accogliere una persona omosessuale o trans in difficoltà. Ma anche il proprietario antisemita di un ristorante può rifiutarsi di servire un cliente ebreo e un farmacista ultra religioso può rifiutarsi di vendere preservativi o altri contraccettivi. L’elenco è molto lungo.
Insomma, in un’accezione molto ampia della libertà di religione, si autorizzano le discriminazioni.
La American Civil Liberties Union ha fatto sapere che sporgerà causa contro il governo per evitare che queste direttive diventino esecutive e lo stesso faranno diversi gruppi per i diritti umani.

Leave a Comment

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca