In News

Lo stand di Agedo Livorno – Toscana è stato oggetto di un atto vandalico di cui sono ignote le ragioni. Gli attivisti dell’Associazione genitori, parenti e amici di persone LGBT era presente ad Effetto Venezia, l’evento dell’estate livornese ormai da molti anni.
Quando ieri pomeriggio i volontari e le volontarie sono arrivati sul posto per aprire lo stand prima dell’arrivo dei visitatori, hanno avuto una brutta sorpresa.

Il gazebo nel canale

Il gazebo era stato gettato nel canale antistante, sopra una delle imbarcazioni ormeggiate.
Secondo il presidente dell’associazione, Fiorenzo Gimelli, è impossibile che si tratti di un brutto scherzo del vento.
“Non vogliamo lanciare accuse a vuoto – scrive Gimelli nel post su Facebook condividendo il comunicato di Agedo Livorno -, ma siamo convinti si sia trattato di un atto vandalico di intolleranza verso un obbiettivo sensibile. Il nostro gazebo era abbassato, legato ed annodato a quattro taniche di acqua, impossibile che il vento sia stato capace di sciogliere i nodi”.

“Ci siamo per restare”

“Non è il primo atto di intolleranza che subiamo – continua il presidente – e non abbiamo paura, ma non possiamo non constatare un deciso peggioramento delle condizioni di convivenza civile nel nostro paese, del quale le persone LGBT non possono che essere purtroppo tra quelle maggiormente interessate. Ci dispiace che questo possa essere percepito anche in un contesto come Effetto Venezia, noi ci siamo per restare, per difendere i nostri figli e figlie soprattutto quando ne hanno più bisogno.
Speriamo di avere visibilità sui giornali perché l’episodio non deve passare inosservato”.

Leave a Comment

0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca