In Cool, News, Storie

Il 10 gennaio 2016 moriva David Bowie: oggi, 11 gennaio 2021, esce Saetta Rossa, la graphic novel tutta italiana dedicata al “Duca bianco”, per la Panini. «Il giorno in cui si apprende della morte di David Bowie, tutto smette di avere senso e Samuel resta letteralmente paralizzato». Scorre così il tempo e il corpo pietrificato del protagonista si “scongela” centinaia di migliaia di anni dopo, in un futuro distopico in cui tutto è profondamente cambiato. Come?

Saetta Rossa, la storia di Samuel

Samuel è circondato da persone travestite da dinosauri. La società vive in una condizione di benessere globale. Sono state risolte questioni annose legate alla differenza di pensiero, sia essa motivata dall’ideologia o dalla religione. Persino parlare dell’orientamento sessuale non ha più molto senso, perché chiunque può cambiare il proprio corpo e trasformarlo come meglio crede. Tutto ok, dunque? Non proprio, perché questa prospettiva può atterrire lo stesso. E perché Samuel, il protagonista, è rimasto comunque quello di sempre.

Nel mondo di David Bowie

«A questa realtà, secondo il topos dei viaggi nel tempo, Samuel non appartiene in alcun modo» riporta Repubblica, che ha dedicato un lungo articolo a Saetta Rossa. Il protagonista «ha lasciato indietro madre, padre malato, l’ex ragazzo, gli amici. E non si riconosce in nulla di questa Bologna. È come essere sbarcati nel mondo di Ziggy, la più iconica tra le personalità che Bowie assumerà nel corso della sua carriera». Una società profondamente trasformata e trasformista. Un’utopia profonda che ricorda il carattere poliedrico del grande cantante scomparso, a cui è dedicato il fumetto.

Graphic novel e acquerelli

Saetta Rossa è stato disegnato e scritto da Marco B. Bucci e Riccardo Atzeni, tutto in acquerello e senza l’ausilio del computer. Gli autori dichiarano, che la presenza del cantante «è nell’atmosfera della storia ed è anche nella crescita del protagonista. Samuel perde le coordinate spazio tempo per la morte di una persona importante e capisce che chi era prima non tornerà più. E qui stava il trasformismo di David Bowie, nella continua ricerca di una nuova personalità quando la precedente perde di significato».

Un’opera queer

Un fumetto che gioca con la dismorfia, il riconoscersi dentro il proprio genere, il mutamento continuo del sé. «Ho immaginato un mondo» dichiara Bucci «in cui il rapporto con i corpi è complesso. In futuro hanno esplorato tutto questo a fondo e chi non si sente concorde dalla nascita può trovarsi tramite delle modificazioni». Ma non è un cedimento all’estetica. È opera politica, Saetta Rossa: «Ho cercato di parlarne per spiegare che lo si fa non perché si può, ma perché per alcuni è l’unico modo per essere quella diversità che si sentono dentro». Un’opera queer, a ben vedere.

Leave a Comment

0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca