Categorie: News

Milano nel 2020 diventerà la capitale arcobaleno

Milano punta a diventare la città più inclusiva e LGBTQ+ friendly d’Italia.
L’occasione arriverà l’anno prossimo sarà il palcoscenico mondiale per la 37ma edizione della convention annuale di Iglta, (International Gay & Lesbian Travel Association).
La città ha preso il testimone da New York dove si è appena conclusa la 36ma edizione e dove una delegazione milanese ha preso le consegne per Iglta 2020.

Milan Loves You

A maggio del 2020, con lo slogan “Milan Loves You”, il Castello Sforzesco aprirà le porte all’universo LGBTQ+ con centinaia di tour operator, giornalisti, influencer provenienti dal tutto il mondo.
Milan Loves You è un progetto dell’azienda di turismo e servizi Sonders and Beach sposato dal Comune di Milano e dall’Enit, l’Agenzia nazionale italiana del turismo, che ne ha proposto la candidatura in competizione con Parigi, Bruxelles, Bogotà e capitali asiatiche. “Il Nostro obiettivo – spiega all’ANSA Alessio Virgili, amministratore delegato di Sonders and Beach e Iglta Italian Ambassador – è rendere Milano 2020 un volano per la crescita dei flussi turistici LGBTQ+ verso la città meneghina e non solo. In un rapporto messo a punto per il Comune di Milano abbiamo stimato che nel 2018 sono stati oltre 500mila i visitatori LGBTQ+ in citta’. Stando ai risultati delle precedenti destinazioni che hanno ospitato la convention, ci aspettiamo un indotto di 2 milioni di euro nei tre giorni della convention per la sola citta’ di Milano ed una crescita di oltre il 60% di visitatori nell’anno successivo”.

Milano accogliente

La convention, sottolinea a sua volta all’Ansa l’assessore al Turismo Roberta Guaineri, “è importante per il business ma anche dal punto di vista dei diritti umani e la collaborazione tra istituzioni e privati è fondamentale per promuovere l’accoglienza senza discriminazioni. Lavoriamo affinche’ Milano sia accogliente ovunque per tutti e sappia anche rispondere a differenti tipologie di cittadino viaggiatore”.

Titoletto (anche minuscolo)

Milano ha abbracciato il cambiamento già da tempo. Con Porta Venezia, è stata la prima in Italia ad avere un quartiere LGBTQ+, conta inoltre più di 25 associazioni LGBTQ+, ogni anno ospita il Milano Pride con una parata con oltre 100mila partecipanti e un festival del cinema a tema, il Mix. Nel 2012 è stata la prima città in Italia a costituire il registro delle Unioni Civili. Oltre Milano, anche Roma è in sfida per diventare la città più arcobaleno d’Italia. Ma nel 2025. Il Circolo Mario Mieli ha infatti formalizzato la candidatura di Roma come sede del World Pride del 2025.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020