In Rainbow

Hanno trovato in Italia un posto dove poter vivere ed essere se stessi e se stesse. E non sono solo migranti che lasciano la loro casa per le questioni più varie, dalla guerra che toglie ogni cosa al cercare condizioni di vita migliori altrove. Sono migranti Lgbt, in fuga dai loro paesi di provenienza, che accolti da Arcigay Rainbow Vercelli Valsesia hanno prima fondato il gruppo AfricArcigay Rainbow e, quindi, hanno prodotto un calendario per finanziare il loro attivismo arcobaleno.

Una realtà in rapida crescita

«Il progetto AfricArcigay» si legge sulla pagina Facebook del gruppo «nasce nel 2016, all’interno del Comitato Arcigay Rainbow Vercelli-Valsesia, per volontà ed iniziativa dei primi richiedenti asilo Lgbt+ sul territorio vercellese che volevano e vogliono far sentire la loro voce». Una realtà che è cresciuta rapidamente ed è riuscita ad integrarsi nel territorio, portando il proprio contributo: «Ad oggi» si legge ancora «il progetto AfricArcigay conta una comunità di quaranta attivisti african* LGBT+, impegnati in attività di militanza, accoglienza, crowdfunding ed incontri formativi nei centri di accoglienza».

Essere sia migranti, sia persone Lgbt

Per finanziare questo progetto, perciò, il gruppo ha creato un calendario con le foto di quei ragazzi e di quelle ragazze costretti a lasciare il loro paese. Sono tutte persone provenienti dall’Africa e hanno deciso di posare per dare testimonianza non solo del loro lavoro nell’associazione e dei loro ideali, ma della loro autenticità, dell’essere sia Lgbt sia migranti in un momento storico come il nostro e in un luogo, come l’Italia di oggi, in cui non è facilissimo essere sia persone Lgbt sia stranieri. Chi volesse contribuire, acquistando il calendario, potrà farlo contattando direttamente Arcigay Rainbow Vercelli-Valsesiaqui trovate i riferimenti – ordinando la sua copia (tramite versamento su Iban o PayPal).

Leave a Comment

0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca