Categorie: NewsOnda Pride

Sorrento, il sindaco che aveva negato un’unione civile oggi concede il patrocinio al Pride

Era passato alle cronache come il sindaco dell’apartheid. Giuseppe Cuomo aveva negato un’unione civile in una delle sedi di proprietà del Comune di Sorrento “per non offendere la sensibilità religiosa dei francescani”. Questa mattina ha incontrato una delegazione dell’associazione “Pride Vesuvio Rainbow” e del collettivo LGBT+ “Buonvento tra le costiere”.
Come si legge in una nota stampa l’incontro sarebbe avvenuto “per valutare tutte le possibili forme di collaborazione per la manifestazione”.

“Dopo lo spiacevole episodio di Beto e Vincenzo, cui fu negata la possibilità di celebrare la loro Unione civile in uno spazio pubblico, sembrerebbe esserci un significativo cambio di marcia da parte del Primo cittadino di Sorrento” hanno affermato le due associazioni Lgbt+.

“Il Sindaco ha infatti espresso la sua massima disponibilità a collaborare per la buona riuscita dell’evento, di fatto riconoscendo, a netto dei percorsi formali, il Patrocinio morale e il supporto tecnico-logistico al Pride del prossimo 14 settembre”.

Così, dopo un inizio non facile si apre uno spiraglio di dialogo istituzionale tra gli organizzatori del Sorrento Pride e le Istituzioni del territorio.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020