Pisa abbandona la Rete READY contro le discriminazioni

Anche Pisa si tira fuori dalla Rete READY, il progetto che mira a condividere fra le amministrazioni buone prassi e promuovendo atti e provvedimenti amministrativi che tutelano dalle discriminazioni. La decisione è stata intrapresa dall’amministrazione comunale con una delibera di Giunta.
Non è la prima volta che accade qualcosa di simili negli ultimi mesi sono diverse le amministrazioni che, a seguito di un cambio di casacca, hanno deciso di sfilarsi da READY: fra questi, ricordiamo Sesto San Giovanni e la regione Friuli-Venezia Giulia.

Secondo Pinkriot Arcigay Pisa, l’uscita del Comune di Pisa da Rete READY è “solo l’ultimo di una serie di attacchi della nuova amministrazione verso la comunità LGBTI della città”. Fra questi, Pinkriot ricorda quando, lo scorso agosto, il consigliere leghista Manuel Laurora si è scagliato su Facebook contro una coppia gay “colpevole”, si fa per dire, di essersi baciata in piazza.  “Esibizionismo e mancanza di rispetto verso gli altri”, scrisse. “Ciò vale per tutti”, non solo per se a baciarsi sono due uomini, ha poi quindi rimarcato il consigliere. Da agosto ad oggi non ci risultano invettive di Laurora contro le coppie etero che si baciano nelle piazze di Pisa ma guai a definirlo “omofobo”!
Ma non è tutto, secondo Arcigay Pisa, nemmeno il primo cittadino può essere definito un amico della comunità arcobaleno. Più recentemente, -ricorda l’associazione- lo stesso sindaco Michele Conti, in merito all’aggressione di due ragazzi gay ad opera di un gruppo di adolescenti, ha volutamente omesso la matrice omofoba dell’episodio di violenza, negandone di fatto la specificità e ignorando la situazione di emergenza che vede attualmente le persone LGBTI vittime di discriminazioni”.
“Con questa azione -denuncia Arcigay Pisa- il Comune di Pisa si conferma un’amministrazione ostile alla popolazione LGBTI della Città, mostrando di non avere a cuore il loro benessere e i loro diritti e, in quanto Istituzione che reitera un messaggio omo-bi-lesbo-transfobico, si fa, di fatto, promotore di violenza”.
In risposta alle scelte della giunta, Pinkriot ha invitato la comunità a scendere in piazza. L’appuntamento è in piazza XX Settembre, sotto Palazzo Gambacorti, martedì 13 novembre alle 16, per un presidio di protesta.

La lotta alle discriminazioni? “Pregiudiziali ideologiche”, secondo il Comune di Pisa

Dal Comune è intervenuta la vice sindaca Raffaella Bonsangue: “L’educazione dei minori deve restare di competenza delle famiglie. La fragilità dell’infanzia e dell’adolescenza non può e non deve essere turbata da pregiudiziali ideologiche da cui i bambini devono rimanere immuni per crescere sereni e conquistare la maturità nella piena e libera contezza di sé”.
Bonsangue definisce quindi “pregiudiziali ideologiche” la lotta alle discriminazioni, con buona pace dell’articolo 3 della Carta Costituzionale.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Annullato anche il Torino Pride: “Un flash mob e una campagna per comprare mascherine”

Prepariamoci, perché ormai è chiaro che a comunicazioni come questa, come quella del Roma Pride…

6 aprile 2020

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020