Categorie: News

L’Uganda vuole introdurre la pena di morte per gli omosessuali

a È ufficiale: il governo dell’Uganda vuole reintrodurre una vecchia legge che prevede la condanna a morte per il “reato di omosessualità”.

L’UGANDA E DIRITTI

Non è la prima volta che questa legge fa capolino nella politica ugandese. Già nel 2009, la maggioranza cristiana era balzata agli onori della cronaca per aver presentato la stesse legge. La legge passò già una volta nel 2013, per poi essere dichiarata nulla dalla Corte Costituzionale per un vizio procedurale. Al momento l’omosessualità è illegale ed è punibile con sette anni di carcere.

LE PAROLE DI SIMON LOKODO

Simon Lokodo

Il ministro per l’Etica e l’Integrità, Simon Lokodo, ha rilasciato all’agenzia Reuters una dichiarazione terribile: «L’omosessualità non è una cosa naturale per gli ugandesi, ma c’è stato un reclutamento di massa da parte delle persone gay nelle scuole e soprattutto tra i giovani dove stanno promuovendo la falsità che si nasca in questo modo».

Secondo Lokodo lo scopo della legge sarebbe quello di espandere il bando all’omosessualità per ricomprendere sotto l’ombrello della legge anche la “promozione e il reclutamento”. «Il nostro sistema penale al momento è limitato. Penalizza solo l’atto. Vogliamo che sia chiaro a tutti quelli che sono implicati nella promozione che anche il reclutamento deve essere un crimine. A questi gravi atti va data la pena di morte», ha sentenziato Lokodo.

KILL THE GAYS

Dello stesso avviso anche il presidente Yowei Museveni che appoggerà apertamente la proposta di legge quando sarà presentata in parlamento, tra qualche settimana. Non solo, si è anche detto fiducioso che la legge passerà grazie all’attività di lobbing fatta su alcuni membri del parlamento: «Stiamo parlando coi deputati e molti ci supportano». La proposta di legge prese il nome di “Kill the gays” già la prima volta che fu presentata. All’epoca conservatori americani noti tra gli attivisti anti-Lgbt+ passavano molto tempo in Uganda. A fine ottobre l’organizzazione World Congress of families – quelli di Verona, per intenderci – terrà una conferenza regionale in Ghana e molti di questi attivisti saranno invitati come relatori.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Il governo è contro di noi”: lettera aperta di un’attivista transessuale

La lettera di un'attivista transessuale sul caso del Progynova, vera e propria tassa a danno della comunità.

16 novembre 2019

Trans ugandese vittima di aggressioni in campo rifugiati kenyano

Un ragazzo trans ugandese è stato ferocemente aggredito in un campo rifugiati del Kenya. Cresce la violenza in Uganda.

15 novembre 2019

Stipendio dimezzato perché gay: «Guadagnerai come le altre donne». Poi viene licenziato

«Non posso credere che tu guadagni quanto le altre donne dell'ufficio». Una storia di discrimazione, omofobia e gender gap

15 novembre 2019

Hiv: 15 mila persone in Italia l’hanno contratto e non lo sanno

L'1 dicembre, Giornata Mondiale della lotta contro l’Aids, si avvicina: a Roma incontoro su “Hiv, presente e futuro del paziente…

14 novembre 2019

Amnesty denucia: donne attiviste, gay e atei nel mirino delle autorità saudite

Amnesty International denuncia duramente il video diffuso dal Dipartimento saudita per la lotta all’estremismo nel quale sono stati inclusi femminismo,…

14 novembre 2019

TDoR: a Torino Star.T, la festa per celebrare i talenti trans

Torino lancia "Stra.T", la festa per celebrare le eccellenze trans con una formula inedita. Una serata organizzata dal Comitato Torino…

14 novembre 2019