Categorie: News

Decreto rilancio: 4 milioni per le vittime di omobitransfobia

Il cosiddetto “Decreto rilancio” prevede fondi per le vittime di discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale e l’identità di genere.
Si tratta di 4 milioni di euro per il 2020 che si aggiungono al Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità previsto dalla legge 248/2006. A prevedere il nuovo finanziamento, un emendamento presentato dai deputati Sportiello, Perantoni, Nesci, Lapia, Mammì, Ianaro, Nappi, D’Arrando, Lorefice, Sarli, Sapia, Menga, Zan, Conte, Boldrini.

Cosa prevede il decreto rilancio

Lo stanziamento dovrà “finanziare politiche per la prevenzione e il contrasto della violenza per motivi collegati all’orientamento sessuale e all’identità di genere e per il sostegno delle vittime”. Il testo prevede “uno speciale programma di assistenza volto a garantire assistenza legale, psicologica, sanitaria e sociale alle vittime di discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere nonché ai soggetti che si trovino in condizione di vulnerabilità in relazione all’orientamento sessuale o all’identità di genere in ragione del contesto sociale e familiare di riferimento”.

Un’anteprima della legge Zan

In buona sostanza, il “decreto rilancio” anticipa quanto previsto dal progetto di legge Zan, appena arrivato in Commissione Giustizia. Il testo è stato approvato dalla Commissione Bilancio della Camera e arriverà in aula il 6 luglio prossimo.
Per la senatrice Monica Cirinnà, responsabile del Dipartimento diritti del Pd, “è una notizia importante”. “Conferma che la maggioranza, su questo tema, fa sul serio e non si farà fermare dalle tante polemiche ideologiche e strumentali di questi giorni – è l’auspicio della senatrice -. Ricordo infatti che l’articolo 7 della proposta di legge Zan prevede l’istituzione di un programma di assistenza e supporto alle vittime di discriminazioni e violenza per orientamento sessuale e identità di genere, con l’istituzione di centri contro le discriminazioni e case rifugio”.

Fare bene e presto

In quest’ottica, prosegue Cirinnà “l’emendamento approvato rende ancora più urgente l’approvazione della legge, che potrà mettere a frutto i fondi stanziati”. “Il Partito democratico e le altre forze di maggioranza – assicura – sono determinate ad arrivare ad un buon risultato, in tempi rapidi e auspicando la più ampia convergenza. E’ una questione di dignità e civiltà, che merita di essere affrontata senza esitazioni”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

L’appello disperato di Camilla, vittima di lesbofobia: “Possiamo fare qualcosa? Lo Stato non mi aiuta”

Si chiama Camilla Cannoni, a giudicare dalle foto che pubblica sui suoi social, è un'operatrice…

28 ottobre 2020

Legge Zan: Costa presenta di nuovo l’emendamento che fece infuriare la comunità LGBT+

La legge Zan torna questa mattina alla Camera dei Deputati. La discussione per l'approvazione del…

28 ottobre 2020

Legge Zan, Camera: respinte le pregiudiziali di costituzionalità

Superato uno dei primi scogli alla Camera. Prosegue il dibattito sulla legge Zan.

27 ottobre 2020

Legge Zan, domani si torna in aula: la maggioranza presenta 7 emendamenti

La maggioranza presenterà sette emendamenti alla legge Zan che ritorna in aula domani pomeriggio. "I…

26 ottobre 2020

Paura di volare: il libro che fa la storia della prima ondata femminista

Tornano i nostri "libri di fuoco", quei libri che ti toccano l'anima scaldandoli come una…

24 ottobre 2020

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020