Categorie: NewsRainbow

Atletica, i lacci rainbow di Erica Bougard contro l’omofobia in Qatar

Durante i Mondiali di atletica di Doha, Qatar, un particolare non è passato inosservato: le scarpe arcobaleno della eptatleta in alto Erica Bougard.

QATAR E OMOSESSUALITÀ

In Qatar, stato a prevalenza musulmano, l’omosessualità è ancora considerata un reato, anche se ufficialmente non sono mai state emesse sentenze o esecuzioni per il reato di omosessualità. La pena prevista è di sette anni.
L’anno prossimo il Qatar ospiterà anche i Mondiali di calcio e l’organizzazione ha assicurato che farà di tutto per far sentire a casa anche i tifosi omosessuali.

ERICA BOUGARD

La statunitense eptatleta Erica Bougard si è resa protagonista di una protesta silenziosa e colorata. Sebbene abbia specificato che non era sua intenzione rilasciare alcun tipo di dichiarazione, ha poi aggiunto: «Ho messo la bandiera sulle mie scarpe e la gente l’ha notato. Non ho paura delle conseguenze. Se qualcosa dovesse succedere sarò sul primo volo di ritorno».

ARCOBALENO COME FORMA DI PROTESTA

Indossare lacci e stringhe per scarpe coi i colori arcobaleno è diventato un modo comune per gli atleti Lgbtq+ e per i loro alleati per dimostrare sostegno durante gli eventi.
Nel 2013 almeno due atlete svedesi hanno partecipato ai campionati Mondiali di Russia con le unghie colorate con i colori dell’arcobaleno. Le unghie laccate delle atlete svedesi erano una forma di protesta contro le leggi russe che mettono in pericolo gay e lesbiche. Le due atlete hanno rischiato una sanzione della Federazione.
Nel 2016, invece, il boxer Orlando Cruz, ha indossato calzoncini arcobaleno sul ring per aumentare la visibilità della comunità.
Nel 2017, negli Stati Uniti, i giocatori di calcio hanno indossato casacche speciali per il mese del Pride, mentre nel 2018, il wrestler etero Finn Balor ha indossato pantaloncini rainbow circondato da una massa di fan Lgbtq+ adoranti: è successo durante un evento Wrestlemania della WWE ed è stato il maggior gesto di supporto alla comunità in un evento di questo sport.

I GRANDI BRAND

I grandi brand di abbigliamento sportivo hanno ovviamente notato questa tendenza e hanno iniziato a produrre indumenti arcobaleno. Basti pensare alle scarpe da ginnastica arcobaleno di Under Armour e di Adidas. In più. Molte leghe professionistiche sportive statunitensi hanno iniziato a produrre versioni arcobaleno delle loro divise e a ospitare, ogni anno, una Pride night per celebrare i supporter Lgbtq+.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Paura di volare: il libro che fa la storia della prima ondata femminista

Tornano i nostri "libri di fuoco", quei libri che ti toccano l'anima scaldandoli come una…

24 ottobre 2020

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020

Diversity e inclusione: il webinar con Unar per lavoratrici e lavoratori Lgbti+

Un appuntamento sulla gestione delle differenze e della diversità nel mondo del lavoro.

20 ottobre 2020

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020