Categorie: News

La storia di Andrea, in riva al mare di Sicilia, per raccontare la realtà queer

Una storia che parla di libertà e scoperta di sé. È questa la “poetica” – nel senso di messaggio dell’autrice, letterariamente inteso – che Federica La Rocca e Chiara Gianotto (due studentesse della Nuova Accademia di Belle Arti di Milano) offrono agli spettatori e alle spettatrici del suo cortometraggio, intitolato Andrea. L’intento dell’opera è quello di aumentare la diffusione di informazione e conoscenza in Italia sulla comunità queer attraverso il cinema italiano, in modo da sensibilizzare sempre più persone.

L’idea di un corto sulle persone queer

Un momento delle riprese

«L’idea è nata in seguito a ciò che ho vissuto in prima persona ormai diversi anni fa» dichiara La Rocca a Gaypost.it. «Io, proprio come Andrea, il protagonista della mia storia, mi sono trasferita a Milano per studiare, dove ho avuto l’occasione di scoprire me stessa in piena libertà, senza i limiti che un paese dove quello dove sono cresciuta portava».

A Milano Federica entra «in contatto con persone che come me stavano vivendo la mia situazione e sono riuscita a scrollandomi di dosso la paura e quella negazione che portavo dentro di me ormai da diversi anni e amarmi per quello che sono. Una persona queer».

Il confronto tra madre e figlio

Il corto parla del confronto madre-figlio «che non sempre è semplice come si pensa» ricorda l’autrice. «È influenzato da tante cose, a volte anche dalla società che si ha intorno. Un genitore prova a proteggere il proprio figlio dalla crudeltà del mondo e a volte può farlo nel modo sbagliato, ad esempio convincendolo a nascondere chi davvero è». Un’altra tematica affrontata è il senso di estraneità: «La difficoltà che una persona prova nel tornare nel paese in cui è cresciuto e sentirsi un estraneo, escluso da tutto quello che prima lo faceva star bene. Le vecchie amicizie si trasformano e a volte si perdono, e solo le più forti e sincere riescono a resistere alla distanza e a una verità forte come quella che trattiamo nel corto».

I luoghi del racconto

La tonnara di Avola

Dopo il coming out, infatti, non è stato facile per l’autrice. I silenzi con la madre, l’ostilità dell’ambiente sociale che non capiva la sua identità, spesso confusa come scelta. «Mi rifugiavo nei luoghi, stavo poco a casa, spesso andavo al mare a fare serata con i miei amici, perché mi ha sempre dato un grande senso di libertà. Il mare mi affascina, è immenso e ha una forza incredibile».

E il mare diventa lo sfondo della storia raccontata da La Rocca: «Mi piace andare all’antica tonnara di Avola, dove ho girato, perché amo guardare le onde infrangersi lungo le rovine e vedere come con il passare degli anni cambiano. L’acqua è inarrestabile e io cerco sempre di sentirmi così: inarrestabile, per avere la perseveranza necessaria per portare avanti progetti come questo».

Nessuno dei due mondi

Nata a Pavia da genitori meridionali ma trasferitasi durante l’adolescenza a Canicattini Bagni, in provincia di Siracusa, Federica La Rocca ammette di non sentirsi parte di nessuno dei due mondi: il nord ricco e industrializzato e la Sicilia che sembra un mondo sempre uguale a se stesso. Quest’ultima rappresenta lo scenario del cortometraggio della regista. «Nelle scorse generazioni, nelle piccole realtà, è ancora normale credere che l’omosessualità o il cambio di genere siano una cosa sbagliata, contro i principi tradizionalisti della chiesa cattolica e la natura e perciò si tende ad evitare di parlarne trattandole come tabù».

Avvicinare le persone, queer e non

Federica La Rocca, una delle due autrici

E quindi il corto nasce perché l’autrice vuol «provare a dare una scossa a queste realtà, andando a girare, non solo dove sono accaduti i fatti, (Canicattini Bagni) ma in una piccola realtà includendo quanto più possibile le persone nel progetto in modo da avvicinarle ad argomenti delicati come questi. Per questo ho fatto degli street casting cercando tra le persone comuni i personaggi della mia storia. Voglio che questo sia un corto in grado di avvicinare le persone e legarle tra loro».

Per sostenere il progetto è stata organizzata una raccolta fondi. Clicca qui per contribuire.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023

LottoxMile, la raccolta fondi per aiutare Milena Cannavacciuolo

«Siamo le amiche e la compagna di Milena. Questo è un appello d’amore per Milena.…

24 Ottobre 2023

Gianni Vattimo, addio al filosofo del “pensiero debole”

È morto ieri in tarda serata, a 87 anni, il filosofo Gianni Vattimo. Una delle…

20 Settembre 2023

Arim 2023, a parco Sempione a Milano la lotta all’HIV a suon di musica

Si terrà il 19 settembre 2023, a Milano, all'Arena Civica di Parco Sempione. Stiamo parlando…

18 Settembre 2023

Cosa significa far parte della comunità Lgbt+

In questi giorni ha fatto scalpore, su ciò che resta di Twitter, lo stato di…

16 Agosto 2023

Le guide di Gay Lex: stepchild adoption e vuoti di tutela

La strada del riconoscimento alla nascita di due mamme e due papà in Italia, al…

16 Agosto 2023