Categorie: News

Trieste, fa dietro front: la sala dei matrimoni sarà usata anche per le unioni civili

Dopo le proteste, il ricorso al TAR e la presa di posizione del Garante del Friuli Venezia Giulia per le persone a rischio di discriminazione, il comune di Trieste ha fatto marcia indietro. La sala dei matrimoni sarà usata anche per le unioni civili. La delibera della giunta porta la firma del sindaco Roberto Dipiazza lo stesso che ha dato l’annuncio ieri sera. Secondo quanto riporta Il Gazzettino, Dipiazza ha risposto alla domanda esplicita ci un consigliere del M5S.

La dichiarazione del sindaco

“Il Comune di Trieste applica la legge come sempre fatto – ha risposto il sindaco – alla luce, inoltre, della sentenza del Tar di Brescia che fa giurisprudenza sarebbe irragionevole altro comportamento”. La decisione arriva anche dopo l’approvazione, da parte del governo, dei decreti attuativi. Ma va precisato che anche prima dei decreti la legge 76/2016 era chiara in merito a come dovevano essere gestite le celebrazioni delle unioni civili. Lo stabiliva il comma 20 che prevede l’estensione di leggi, circolari e regolamenti (anche comunali) che riguardano il matrimonio anche alle unioni civili.

“Non ci siamo fatti umiliare

“Non ci siamo fatti umiliare – commenta su Facebook Davide Zotti che insieme al compagno aveva sollevato il caso lo scorso agosto -. Eccoci qui stasera davanti alla sala matrimoni del Comune di Trieste, che per sei mesi ci è stata negata. La nostra piccola lotta, che è stata la lotta di tante e tanti insieme a noi, ha alla fine pagato”. “Rimandiamo ai mittenti la loro meschina volontà di discriminare e umiliare le persone omosessuali – continua Zotti -. Sindaco e Giunta si sono dimostrati piccoli, provinciali e miopi. Era chiaro che non avremmo mai accettato una soluzione che voleva segregare le coppie omosessuali in un luogo separato. A questo punto ci vedremo presto in Piazza Unità per festeggiare. Saluti dalla sala dei matrimoni!”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020