Categorie: News

Una donna ha spintonato uno dei più famosi preti anti-lgbt di fronte a 50mila fedeli

Il video in poche ore è diventato un meme irresistibile per il web. Succede a San Paolo, in Brasile, domenica pomeriggio durante una messa una donna è salita sul palco e ha spintonato padre Marcelo Rossi giù nella platea. Rossi è un prete anti-gay e uno più famosi del Brasile, ma il gesto non sembra avere nulla a che fare con le sue posizioni omofobe.

Chi è la donna che lo ha spintonato?

L’episodio è avvenuto in TV e davanti a un pubblico di oltre 50.000 persone. Il sacerdote incolume dall’assalto è subito dopo ritornato sul palco dove ha terminato la sua funzione. L’assalitrice sarebbe una donna che soffrirebbe di un disturbo bipolare. Misteriosamente avrebbe superato il cordone di sicurezza con l’intenzione di voler abbracciare il Rossi per poi, secondo alcuni media brasiliani, “perdere la testa” e spintonarlo.

La crociata del prete anti-lgbt

Rossi è noto in Brasile per le sue dichiarazioni anti-gay. Passerà alla storia quella del novembre 1998: “Molte idee cambieranno il giorno in cui l’omosessualità si rivelerà essere una malattia”. In un’intervista del 2014 , ha detto: “Il sesso tra l’uomo causa dolore, se qualcosa causa dolore, non può essere una buona cosa”. Inoltre si è opposto al matrimonio egualitario perché: “La parola di Dio è chiara che l’uomo e la donna sono stati creati per unire e dare frutti “.
Autore e musicista cristiano è riuscito a vendere oltre 11 milioni soltanto in America Latina, mentre il suo show radiofonico raccoglie oltre 3 milioni di ascoltatori a livello nazionale.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020