Categorie: News

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o identità di genere non potranno più essere respinti.
E’ quanto stabilisce un emendamento al decreto sicurezza che, di fatto, recepisce la giurisprudenza consolidata su questo tema.

Orientamento sessuale e identità di genere, oltre al sesso

L’emendamento è stato presentato da Laura Boldrini e Barbara Pollastrini ed è stato accolto favorevolmente dai relatori del nuovo decreto sicurezza Carmelo Miceli e Vittoria Baldino.
La legge italiana prevedeva che non si possano respingere “verso uno Stato in cui lo straniero possa essere oggetto di persecuzione per motivi di razza, di sesso, di lingua, di cittadinanza, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali o sociali”. L’emendamento Boldrini-Pollastrini aggiunge anche l’orientamento sessuale e l’identità di genere.

I migranti lgbt+ tutelati dai tribunali

E’ quello che, in sostanza, avevano già fatto diversi giudici interpretando in modo estensivo la parola “sesso” e accogliendo i ricorsi di chi era stato respinto ma rischiava di essere perseguitato perché gay, lesbica, bisex o trans. Sul tema si era anche espressa la Cassazione secondo cui non si possono respingere migranti lgbt+ se nel loro paese di origine corrono rischi per l’orientamento sessuale o l’identità di genere. La Corte si era pronunciata sul caso di un cittadino ivoriano a cui era stato negato lo status di rifugiato e rischiava, quindi il respingimento. I giudici avevano anche stabilito che non è necessario che l’omosessualità sia considerata reato nel paese di origine.

E’ sufficiente che, “lo Stato non possa o voglia offrire adeguata protezione alla persona omosessuale e dunque se questi possa subire, a causa del suo orientamento sessuale, la minaccia grave ed individuale alla propria vita o alla persona e dunque l’impossibilità di vivere nel proprio paese di origine, senza rischi effettivi per la propria incolumità psico-fisica, la propria condizione personale”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Stop agli interventi chirurgici sui bimbi intersessuali: il ddl in discussione in California

La California può diventare il primo paese al mondo che tutela l'intersessualità dalla nascita.

18 gennaio 2021

Il lockdown non ci dà tregua? Ridiamoci su, con il video di Paolo Camilli

Se da ieri sono tornate le "regioni rosse". Come sopravvivere, con ironia, alle nuove chiusure.

18 gennaio 2021

Sabrina Impacciatore e il monologo sull’amore lesbico, in omaggio a V per Vendetta

Una emozionante interpretazione che ci ricorda che la nostra felicità non è mai qualcosa da…

17 gennaio 2021

“L’ipotesi neocattolica”, il nuovo libro di Massimo Prearo sui “no gender”

"Per chi si chiede da dove salti fuori Adinolfi, perché Costanza Miriano non sia per…

17 gennaio 2021

Tilda Swinton fa coming out: “Ho sempre sentito di essere queer”

"Essere queer, in realtà, per me, ha a che fare con la sensibilità. Ho sempre…

15 gennaio 2021

Gaffe di Linus: “Harry Styles? Era gay, è guarito”. Ma era una battuta e chiarisce

In realtà il presentatore di Radio Deejay aveva solo fatto una battuta, che però è…

14 gennaio 2021