Categorie: NewsOnda Pride

Il comune di Cosenza ha “tanti amici gay, ma…” non patrocina il Pride

Un corposo comunicato stampa, in cui si esalta l’attività del comune contro ogni discriminazione, ma che si conclude con quello che a voce sarebbe stato un: “ho tanti amici gay, ma…”. Così l’amministrazione cittadina di Cosenza rifiuta il patrocinio al Pride che si svolgerà in città il prossimo 1 luglio.

“Sostenitori di una cultura della non discriminazione”

In una nota stampa diffusa ieri, si legge che “siamo sostenitori della cultura della tolleranza e della non discriminazione. Continuiamo a ritenere che il consolidamento di una cultura non-sessista passi attraverso il rispetto del vissuto di appartenenza ad un genere o all’altro, o ad entrambi”. Una buona premessa, dopo aver ricordato che il comune ha sostenuto le battaglie anche “consegnando all’Arci Gay di Cosenza dei locali all’interno della Casa delle Culture perché ne facessero la loro sede d’incontro, di discussione e di partecipazione”.

I “tanti amici gay”

Ma è a questo punto che arriva il diniego. “Non ci convince però la spettacolarizzazione della preferenza sessuale spesso ostentata attraverso modalità stereotipate e conformistiche – si legge ancora nella nota -. Il nostro Gay Pride ricorre 365 giorni all’anno”. “Per questi motivi – continua il comunicato -e soprattutto per rispetto alle perplessità rappresentateci, in tal senso, da gran parte dei tanti amici gay che vivono con serenità la propria quotidianità sessuale in una città aperta e tollerante quale è Cosenza, preferiamo come Ente Locale non patrocinare l’iniziativa del Gay Pride. L’innovazione si misura attraverso la capacità di superare luoghi comuni e consuetudini. In questo il senso, il Gay Pride è paradossalmente figlio di una cultura paradigmatica e conservatrice“.

Insomma, per non essere “paradigmatici e conservatori”, bisognerebbe rinunciare alla parata che, per eccellenza, rappresenta proprio la messa in discussione di schemi comportamentali ritenuti accettabili e “normali” dalla maggioranza delle persone. Paradossalmente, parafrasando lo stesso comunicato del comune.

Pronti a patrocinare altri eventi

“Cosenza è una città laboratorio di innovazione non di conservazione – prosegue ancora la nota -. Per noi e per la comunità cosentina è naturale concepire la coesistenza di persone che sono uguali in ogni loro sfaccettatura.
È un passaggio fondamentale per comprendere come la parità di diritti e doveri sia scolpita nella cultura di una città che non va a sindacare negli orientamenti sessuali individuali”.
“Diamo il benvenuto agli amici gay che parteciperanno alle diverse manifestazioni previste in città – conclude – e restiamo disponibili per condividere e patrocinare altri eventi che promuovano i concetti di tolleranza e di lotta ad ogni discriminazione”. Altri eventi, ma non il Pride.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020