Categorie: News

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

Omo-transfobia, sono cominciate le audizioni in Commissione Giustizia sul pdl che dovrebbe contrastare l’odio contro le persone Lgbt+ (e non solo). Ma a opporsi a questa evenienza, c’è l’associazione Pro Vita & Famiglia, realtà tra quelle che hanno organizzato il Congresso delle Famiglie di Verona lo scorso anno. «Zan, Bersani, Borghi, Boschi e gli altri firmatari chiedono di proteggere le persone omosessuali o transessuali con l’abbinamento della legge Mancino/Reale che con questo tema non c’entra per nulla» sostengono i portavoce dell’associazione. «Dove sarebbero stati rintracciati» si chiedono «motivi razziali o etnici o religiosi?»

Provita e famiglia: “Nessun allarme sociale”

Per Toni Brandi e Jacopo Coghe, rispettivamente il presidente e il vicepresidente di Pro Vita & Famiglia, ci sarebbe una «pregiudiziale di costituzionalità», ovvero «creare una specifica categoria di persone da tutelare in base al proprio comportamento sessuale». E ciò costituirebbe «un’infondata violazione del principio di uguaglianza di tutti i cittadini». Per altro, «non c’è neanche l’allarme sociale. In Italia sono diminuiti i reati d’odio rispetto al 2018, secondo i dati dell’Oscad, l’Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori». Per i due, dunque, non ci sarebbe alcuna urgenza e nessuna necessità nel fare la legge contro l’omofobia-transfobia.

La legge contro l’omo-transfobia tutelerebbe tutti e tutte

Peccato che gli atti contro le persone Lgbt+ non si limitano alle aggressioni, ma a un vero e proprio clima di odio,intolleranzainsofferenza nei confronti della diversità. A cominciare dal bullismo nelle scuole e proseguendo per le violenze in famiglia o per le discriminazioni negli ambienti di lavoro. Per altro, una legge siffatta tutelerebbe anche le persone eterosessuali vittime di discriminazioni analoghe: si pensi al caso di quell’uomo (etero) picchiato in autobus perché scambiato per gay. Ma tutto questo, Brandi e Coghe, sembrano ignorarlo. Oppure hanno deciso di non tenerlo in considerazione. Chissà perché.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Annullato anche il Torino Pride: “Un flash mob e una campagna per comprare mascherine”

Prepariamoci, perché ormai è chiaro che a comunicazioni come questa, come quella del Roma Pride…

6 aprile 2020

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020