Categorie: News

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

Omo-transfobia, sono cominciate le audizioni in Commissione Giustizia sul pdl che dovrebbe contrastare l’odio contro le persone Lgbt+ (e non solo). Ma a opporsi a questa evenienza, c’è l’associazione Pro Vita & Famiglia, realtà tra quelle che hanno organizzato il Congresso delle Famiglie di Verona lo scorso anno. «Zan, Bersani, Borghi, Boschi e gli altri firmatari chiedono di proteggere le persone omosessuali o transessuali con l’abbinamento della legge Mancino/Reale che con questo tema non c’entra per nulla» sostengono i portavoce dell’associazione. «Dove sarebbero stati rintracciati» si chiedono «motivi razziali o etnici o religiosi?»

Provita e famiglia: “Nessun allarme sociale”

Per Toni Brandi e Jacopo Coghe, rispettivamente il presidente e il vicepresidente di Pro Vita & Famiglia, ci sarebbe una «pregiudiziale di costituzionalità», ovvero «creare una specifica categoria di persone da tutelare in base al proprio comportamento sessuale». E ciò costituirebbe «un’infondata violazione del principio di uguaglianza di tutti i cittadini». Per altro, «non c’è neanche l’allarme sociale. In Italia sono diminuiti i reati d’odio rispetto al 2018, secondo i dati dell’Oscad, l’Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori». Per i due, dunque, non ci sarebbe alcuna urgenza e nessuna necessità nel fare la legge contro l’omofobia-transfobia.

La legge contro l’omo-transfobia tutelerebbe tutti e tutte

Peccato che gli atti contro le persone Lgbt+ non si limitano alle aggressioni, ma a un vero e proprio clima di odio,intolleranzainsofferenza nei confronti della diversità. A cominciare dal bullismo nelle scuole e proseguendo per le violenze in famiglia o per le discriminazioni negli ambienti di lavoro. Per altro, una legge siffatta tutelerebbe anche le persone eterosessuali vittime di discriminazioni analoghe: si pensi al caso di quell’uomo (etero) picchiato in autobus perché scambiato per gay. Ma tutto questo, Brandi e Coghe, sembrano ignorarlo. Oppure hanno deciso di non tenerlo in considerazione. Chissà perché.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020