Categorie: News

Matrimonio egualitario: anche Malta ha detto sì

Anche Malta ha detto sì al matrimonio egualitario. Con un voto espresso pochi istanti fa in terza lettura dal Parlamento riunito in sessione plenaria, l’isola ha esteso il matrimonio anche alle coppie gay e lesbiche. L’unico a votare contro è stato Edwin Vassallo, del Partito Nazionalista, secondo cui la legge è “immorale”. Non si tratta di una legge vera e propria, ma di una serie di modifiche apportate a tutte le leggi che riguardano il matrimonio e le persone sposate in cui “marito” e “moglie” vengono sostituiti con coniugi e “padre” e “madre” con “genitori”. La riforma è stata fortemente voluta dal primo ministro laburista Joseph Muscat che aveva definito “discriminatorio” avere due istituti diversi per le coppie gay e quelle etero. Il premier ha definito quello di oggi “un voto storico”.

Tutti a favore, tranne la chiesa

A favore della riforma si era schierata anche l’opposizione conservatrice, con il Partito Nazionalista che, però, aveva avanzato qualche critica sulla sostituzione dei termini “madre” e “padre” nelle leggi in vigore. Contraria la chiesa maltese. L’arcivescovo Charles Scicluna aveva dichiarato che “non c’è bisogno di cambiare il modo in cui Dio ha creato il matrimonio per fare in modo che due uomini o due donne possano sposarsi”.

L’adozione già in vigore dal 2014

A Malta, l’adozione legittimante era già aperta alle coppie dello stesso sesso dal 2014 anno in cui il parlamento istituì le unioni civili. Sempre dallo stesso anno, lo Stato riconosce i matrimoni celebrati all’estero.
Lo scorso anno, per la prima volta, il numero di unioni civili sull’Isola ha superato quello dei matrimoni.

Il quadro dell’UE

Salgono così a tredici i paesi dell’UE che aprono il matrimonio a tutte le coppie, indipendentemente dall’orientamento sessuale. Pochi giorni fa era arrivato il voto del Bundestag tedesco in tal senso: ora la legge attende la firma del presidente che però non desta alcuna preoccupazione.
Sono, invece, quattordici i paesi UE che permettono alle coppie dello stesso sesso di adottare bambini nati fuori dalla coppia, mentre Slovenia, Estonia e Croazia hanno leggi che garantiscono la stepchild adoption.

Malta da due anni in cima al rating ILGA

Da due anni, Malta è in cima al rating della Rainbow Map che ogni anno ILGA Europe redige in occasione della Giornata mondiale contro l’omofobia. Due anni fa il merito fu della legge sull’autodeterminazione delle persone trans, mentre l’anno scorso il punteggio alto si deve alla prima legge europea che vieta le terapie riparative. Il voto di oggi potrebbe mantenere Malta nel posti più alti secondo i parametri di ILGA.

Condividi

Articoli recenti

Lesbiche, minorenni e innamorate. Fuga d’amore da Nizza alla Calabria

Un amore lesbico osteggiato dalle famiglie, una fuga per migliaia di chilometri e un intero paese disposto ad aiutarle. È…

13 dicembre 2019

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le…

13 dicembre 2019

Aveva raccontato le terapie riparative: donna lesbica trovata senza vita

Prime le terapie riparative, poi il ricovero per autolesionismo. Alan Chen aveva raccontato la sua storia al Denver Post ad…

13 dicembre 2019

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019