Categorie: News

Nonostante le minacce il Pride di Kiev colora l’Ucraina: 8mila persone (sotto scorta)

Migliaia di persone hanno partecipato al Pride di Kiev, in Ucraina, sotto stretta sorveglianza di polizia ma senza incidenti, nonostante la presenza di militanti di estrema destra e religiosi ostili all’iniziativa.

Il corteo circondato dalla polizia

Come riporta l’Agence France-Presse oltre 8mila secondo gli organizzatori i partecipanti alla marcia, che con bandiere arcobaleno e vestiti “favolosi” hanno sfilato sulle grandi arterie del centro della capitale ucraina. Il corteo era circondato da un imponente cordone di polizia. Erano dispiegati anche decine di veicoli delle forze dell’ordine e agenti a cavallo.

Nove arresti

Oltre un migliaio di militanti di estrema destra e membri di organizzazioni ortodosse hanno provato a ostacolare la manifestazione, scandendo slogan aggressivi, ma sono stati tenuti a distanza dalla polizia, che ha riferito di avere arrestato nove persone. Per la prima volta ha sfilato anche un gruppo di una decina di militari apertamente Lgbt, nonché veterani del conflitto nell’est dell’Ucraina.

L’omofobia in Ucraina

L’omofobia è ancora largamente presente in Ucraina, ma le autorità pro Ue, al potere dal 2014, sono determinate a mostrare la loro tolleranza, in particolare consentendo lo svolgimento dei pride diversamente da quanto avviene nella vicina Russia. Si trattava della prima sfilata Lgbt in Ucraina dall’elezione a maggio dell’ex comico Volodymyr Zelensky come presidente. A giugno del 2018 l’evento aveva raccolto a Kiev circa 5mila persone. La polizia allora aveva arrestato oltre 50 manifestanti di estrema destra che con la forza provavano a impedire la partenza del corteo. In Ucraina non c’è alcuna tutela per le unioni omosessuali e le persone LGBT sono ancora molto discriminate dal punto di vista legale, sui posti di lavoro e dalla società. Secondo un sondaggio dello scorso dicembre realizzato dal think tank Democratic Initiatives, riportato da Reuters, il 47 per cento degli ucraini pensa che i diritti delle minoranze sessuali debbano essere limitati, mentre il 37,5 per cento è contrario a ogni restrizione; il 15,6 per cento non ha un’opinione.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020

Proud Boys, l’amore tra gay sconfigge l’odio dell’estrema destra americana

Un caso di hijacked, o dirottamento semantico, che spunta le armi all'estrema destra razzista e…

6 ottobre 2020

Belgio, Petra De Sutter: la prima donna transgender nominata vicepremier in Europa

Per la prima volta nella storia, una donna transgender diventa vicepremier in un paese europeo.

4 ottobre 2020