Categorie: News

Decisione storica in Angola: essere omosessuali non è più reato

Il governo dell’Angola ha depenalizzato l’omosessualità. Dal codice penale è stato eliminato l’articolo che definiva l’essere gay “un vizio contro natura”. Da adesso, essere omosessuali ed avere relazioni con partner dello stesso sesso non sarà più reato.
Come ricorda Human Rights Watch, si trattata di un’eredità della dominazione portoghese: una storia simile a quasi tutte le ex colonie dei paesi europei.

Niente più discriminazioni

Stando a quanto riporta HRW, “il Governo ha inoltre vietato ogni discriminazione basata sull’orientamento sessuale prevedendo che chiunque si rifiuti di dare lavoro o di fornire servizi a causa dell’orientamento sessuale della persona sarà punito con il carcere”. Certo non basterà la legge per cambiare l’approccio della società agli omosessuali e all’omosessualità. Servirà tempo e lavoro sul piano sociale e culturale perché cambi, insieme alle norme, anche la mentalità.

Un esempio per gli altri

E’ quella che si può definire una svolta epocale, per la comunità lgbt+ angolana e che potrebbe fare da esempio per gli altri paesi africani con legislazioni simili, oltre che per tutti gli altri. Sono 69, infatti, i paesi nel mondo in cui le relazioni tra persone dello stesso sesso sono considerate un crimine.

Una lunga battaglia

La battaglia contro le discriminazioni e la criminalizzazione deegli omosessuali in Angola è cominciata molto tempo fa da parte delle associazioni locali supportate da organizzazioni internazionali. Ma la strada è stata lunga e piena di ostacoli. Solo a giugno scorso, infatti, il presidente dell’Angola ha riconosciuto ufficialmente un’associazione lgbt+.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020