Categorie: News

Francia, la riforma di Macron apre alla fecondazione eterologa per le coppie di donne

La Francia apre alla fecondazione eterologa anche per le coppie di donne. E’ la proposta di riforma del governo guidato da Macron che sarà discussa in Parlamento, per diventare legge, in autunno.
Fino ad ora, come in Italia, le tecniche di procreazione medicalmente assistita erano riservate alle sole coppie eterosessuali con problemi di sterilità o di malattie genetiche.
Ma la riforma di Macron supera questo limite permettendo, così, alle future mamme di essere riconosciute entrambe come tali fin dalla nascita dei figli. Le coppie dovranno solo firmare un impegno davanti al notaio prima di iniziare la pma.

Una riforma attesa da tempo

Come riporta l’edizione cartacea di Repubblica di oggi, si tratta di una riforma già promessa dal governo socialista precedente che, però, aveva rinunciato dopo le forti proteste contro la legge per il matrimoni egualitario.

Come succede adesso alle coppie di donne che vogliono avere figli, anche le francesi erano costrette ad andare all’estero per potere diventare madri. Se la battaglia parlamentare avrà successo, dal prossimo autunno questo non sarà più necessario. Macron ha affidato la sfida alla deputata Laurence Vanceunebrock-Mialon, che con la sua compagna ha avuto due figlie.

Restano fuori le coppie di padri. Il governo aveva già dichiarato di non volere regolamentare né legalizzare la gestazione per altri, nonostante le richieste delle associazioni lgbt francesi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

17 maggio: gratis on line “Bullied To Death”, il film contro l’odio di Giovanni Coda

Visibile, in streaming, sulla piattaforma Streeen, il film di Giovanni Coda per il 17 maggio.

16 maggio 2021

Ddl Zan: sul palco di Roma le Karma B, Luxuria e le istanze delle comunità

Ci saranno le Karma B, sul palco di Piazza del Popolo, a Roma, oggi a…

15 maggio 2021

Lesbofobia, insulti a 18enne di Bari: “Fate schifo, tutti nelle camere bruciati!”

"La decisione di denunciare deriva dalla necessità di far sentire meno soli tutti colore che…

15 maggio 2021

“Le parole che uccidono”: il monologo di Stefano Massini per il ddl Zan

"Le parole che uccidono". Così si intitola il monologo che Stefano Massini ha portato ieri…

14 maggio 2021

Ddl Zan, è tempo della responsabilità: in piazza per una società migliore

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'appello di Marilena Grassadonia* per le piazze di questo fine settimana…

14 maggio 2021

26 giugno: torna il Roma Pride, dopo l’assenza dello scorso anno

Torna il Roma Pride. Dopo il fermo dovuto alla pandemia, nel 2020, il 26 giugno…

13 maggio 2021