Gay a destra: ecco perché votano i partiti anti-lgbt dimenticando la comunità

Nei paesi occidentali gli omosessuali votano a destra.
Lo studio a firma di Samuel Huneke della Stanford University ha analizzato il voto LGBT di cinque paesi occidentali USA, Regno Unito, Francia, Germania e Brasile.
Solo negli Stati Uniti la comunità LGBTI ha sostenuto in maniera evidente i Democratici, mentre il voto di moltissimi gay omosessuali degli altri paesi ha ingrossato le file dei conservatori e dei partiti di estrema destra.
“Solo il 7% degli elettori LGBT si è dimostrato scettico sul sostenere un partito conservatore (o in alcuni casi di estrema destra)” scritto Huneke su LA Review of Books.

Fondamentale il voto gay

Ma sono gli uomini gay a sorprendere: “In molti di questi paese gli uomini gay sono più propensi rispetto all’elettorato generale a sostenere un partito conservatore o di estrema destra”

Nel 2018, durante le elezioni di mid-term, l’elettorato LGBT statunitense ha votato per il Partito Democratico con una percentuale dell’82%.
“Ma” spiega Huneke “praticamente in nessun altro paese i gruppi LGBT e i partiti di sinistra hanno forgiato un’alleanza duratura o fruttuosa. In molti altri paesi occidentali, i partiti di destra e dichiaratamente omofobi godono di un considerevole sostegno tra gli elettori gay”

Basta pensare al Brasile: qui il 29% degli elettori LGBTI ha votato per il candidato Jair Bolsonaro, omofobo dichiarato.
Se ci spostiamo in Francia un sondaggio del 2015 mostrava che il 26% degli elettori gay e bisessuali sosteneva la leader del Front National Marine Le Pene, anti-LGBT.

Il privilegio che fa dimenticare la comunità

C’è una logica, spiega Huneke, su questa marcia indietro: “Come Michael Segalov ha scritto su The Independent nel 2017. Gli uomini gay “hanno iniziato a buttare sotto un tir quelli che hanno meno status di loro”, si sono “aggrappati a un privilegio ritrovato”. Il diritto di sposarsi, le discriminazioni ridotte. “Gli uomini gay” spiega lo studioso” adesso votano come uomini e basta cioè in maniera opportunista. Un voto che mostra che solo alle spese dei più deboli ci si costruisce un futuro, ciascuno il suo e pazienza per chi non ha le possibilità.
“Intanto le lesbiche e le persone trans continuano ad affrontare, ostacoli legali e sono gli unici che possono continuare a sperare in un sostegno da parte della sinistra”

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020