Categorie: FotoNews

Ben & Jerry’s e i gelati per il matrimonio egualitario – FOTO

Niente più palline di gelato dello stesso gusto fino a quando il matrimonio egualitario non sarà legge in Australia. È la campagna lanciata dall’azienda di gelati Ben & Jerry’s a sostegno delle coppie gay e lesbiche e della comunità LGBT tutta che si sta battendo per avere uguali diritti.
“Attenzione clienti – si legge nella locandina -. Due palline dello stesso gusto sono vietate”. E ancora: “Avete capito bene: niente palline dello stesso gusto finché non ci sarà il matrimonio egualitario per tutti gli australiani. A Ben & Jerry’s crediamo che l’amore abbia tutti i gusti”.


“Immaginate di entrare nel vostro Scoop Shop per ordinare il vostro gelato preferito di due palline di Cookie Dough (uno dei gusti dell’azienda, ndr) in un cono di waffel – si legge sul sito di Ben & Jerry’s -. Ma scoprite che non vi è permesso… Sareste furiosi! E non è neanche lontanamente paragonabile a quanto vi arrabbiereste se vi venisse impedito di sposare la persona che amate. Per questo vieteremo i gelati con due palline dello stesso gusto e incoraggeremo le persone a contattare il parlamentare della propria zona per dire che è giunto il momento: rendete legale il matrimonio tra persone dello stesso sesso! L’amore ha tutti i gusti!”

Le cartoline per i parlamentari

L’azienda ha distribuito dei distributori in tutti i 26 punti vendita australiani in cui i clienti possono prendere una cartolina per chiedere al proprio parlamentare di riferimento che si permetta alle coppie dello stesso sesso di sposarsi. Le cartoline saranno poi inviate tutte insieme prima dell’ultima sessione parlamentare, il 13 giugno.
Nonostante le promesse del governo di approvare una legge in questo senso, la questione è stata a lungo rimandata per via delle pressioni della parte più conservatrice del parlamento. Era stato anche chiesto un referendum popolare sulla questione, ma è stato fermato perché, secondo le forze politiche all’opposizione, scatenerebbe un dibattito pericoloso.

I precedenti

Non è la prima volta che l’azienda statunitense si schiera così apertamente a favore delle coppie LGBT. Lo aveva già fatto in Irlanda, negli Usa, nel Regno Unito, in Irlanda, in Italia e in Germania. Ecco alcune foto delle altre campagne per l’uguaglianza.

La campagna irlandese

La campagna italiana

La campagna nel Vermont

La campagna in Uk

La campagna in Germania

Condividi

Articoli recenti

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

Un'aggressione immotivata, per le strade di Boston.

6 dicembre 2019

Gran Bretagna, nasce primo bambino da “gravidanza condivisa”

Dalla Gran Bretagna una nuova tecnica, che permette di "condividere" la maternità.

5 dicembre 2019

Vuole comprare un gatto: «Non vendiamo a transessuali». La denuncia

«Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto».

5 dicembre 2019

Lipsia, l’allenatore Nagelsmann a favore del coming out

Un'importante apertura dal mondo del calcio, tradizionalmente ostile al mondo Lgbt+.

5 dicembre 2019