Categorie: News

Venezia cambia idea: sulla carta d’identità Anna ha due mamme

Anna e le sue mamme ce l’hanno fatta. Alla fine il Comune di Venezia ha rilasciato alla bimba di sei anni la cata di identità con scritto “genitori” e non “madre” e “padre” come previsto dal decreto Salvini.
La vicenda risale a qualche giorno fa quando le due donne, riconosciute entrambe madri della piccola dopo una sentenza di stepchild adoption del Tribunale, sono andate all’anagrafe a chiedere per la figlia la carta d’identità.
Ma stando a quanto stabilito dal contestatissimo provvedimento del ministro dell’Interno, la carta d’identità della piccola non poteva riportare i nomi di tutte e due le donne perché deve indicare necessariamente “padre” e “madre”.

La soluzione: carta invece che digitale

Anna, perciò, era rimasta senza documento.
La soluzione, secondo quanto riporta il Corriere del Veneto, è stata rilasciare una carta d’identità cartacea invece di quella elettronica, ormai obbligatoria per tutti.
I legali hanno spiegato che il Comune può comunque optare per questa scelta se si presentano “gravi motivi”.
Nel caso di Anna il grave motivo era proprio l’ipossibilità di rilasciarle il documento riportando il suo reale status di figlia di due mamme.
Come sottolineano le due mamme, il caso-Venezia potrebbe fare da apripista per i tanti bambini che sono nella stessa situazione di Anna e che rischiano di non potere avere una carta d’identità.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ungheria, il partito di Orban vuole una legge per vietare di parlare di temi Lgbt a scuola

"Ogni testo di propaganda o promozione dell'omosessualità è dannoso per i minorenni", per Fidesz.

13 Giugno 2021

Eva, picchiata per una borsa arcobaleno: un caso che spiega “per chi” serve la legge Zan

Non sappiamo se Eva sia una ragazza lesbica o meno. Sappiamo che la sua aggressione…

12 Giugno 2021

Fuori i nomi, il libro di Simone Alliva che racconta i 50 anni della comunità Lgbt+ italiana

C'è vita sussurrata, narrata o addirittura urlata, nelle pagine di Fuori i nomi. E non…

11 Giugno 2021

Ddl Zan, Scalfarotto (IV): “La destra vuole solo perdere tempo: si vada in aula compatti”

"Italia viva è una di quelle forze politiche che ha fortemente voluto il ddl Zan.…

10 Giugno 2021

Omofobia sul tram a Roma: prima insulta 2 asiatiche, poi minaccia il ragazzo che le difende

"Vieni de fori, te sfonno la faccia", così l'uomo ha aggredito un giovane sui mezzi…

4 Giugno 2021

Torino Pride in piazza il 5 giugno: “Nessun compromesso sul ddl Zan”

Il 5 giugno, sabato, Torino scende in piazza per sostenere il ddl Zan. La manifestazione,…

3 Giugno 2021