Categorie: News

Uganda, ancora arresti ai danni della comunità Lgbt+

Non si ferma l’ondata di omofobia di Stato in Uganda. Mentre nel paese si rincorrono smentite e conferme sulla legge soprannominata “Kill the gays”, continuano gli arresti per motivi futili. Stavolta è toccato a ben 127 persone. Per loro l’accusa è quella di aver fumato sostanze illecite.

IL RAID

Sono circa le due di notte quando la polizia ugandese fa un raid nel locale friendly Ram. Come già detto a farne le spese sono state 127 persone, tutte tratte in arresto.
La polizia dichiara di non aver avuto idea che il bar potesse essere un posto Lgbt+ friendly, ma domenica notte si stava tenendo proprio un evento Lgbt+. Secondo gli attivisti il raid è stato un vero e proprio attacco alla loro libertà.
In un video si vedono gli avventori a terra, con lo sguardo basso e le mani a coprire il volto mentre la polizia armata passa tra di loro e porta via narghilè come prove.

GLI ARRESTi

Due attivisti hanno dichiarato che quella notte 127 persone sono state arrestate e portare alla stazione di polizia. Due sono state rilasciate, mentre 125 dovrebbero andare a processo proprio oggi. Gli attivisti fanno sapere che le persone detenute hanno detto di essere affamate e di sentirsi indifese.
Quello di domenica notte non è il primo arresto di massa nel paese africano. Ad agosto la polizia aveva arrestato venti persone che stavano partecipando a un evento legato al Pride a Kampala e successivamente avevano cancellato la parata. Qualche giorno fa, invece, 16 persone erano state arrestate con l’accusa di essere gay in un raid morboso in una organizzazione per la prevenzione dell’Hiv. A tal proposito, gli esperti sull’hiv ugandesi sostengono che i continui raid della polizia stiano contribuendo all’epidemia.

DIRITTI NEGATI

Come ribadito più volte in Uganda le persone Lgbt+ non hanno alcun diritto e il sesso omosessuale è punibile con pene che vanno da sette anni all’ergastolo sotto una legge vaga che proibisce la conoscenza carnale fuori dalle leggi di natura o l’indecenza. I matrimoni tra persone dello stesso sesso sono stati messi fuori legge nel 2005 e non c’è alcuna protezione per le persone Lgbt+ in caso di molestie o violenze.
L’Africa conta 54 stati e di questi 33 criminalizzano il sesso omosessuale, retaggio del periodo coloniale britannico e dell’evangelizzazione americana.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Presunta omofobia in una scuola di Ragusa: cosa sappiamo del caso

"Gay e lesbiche andrebbero esorcizzati", frase choc in una scuola nel ragusano.

23 febbraio 2021

Omofobia, insultato nella sua casa di campagna: la denuncia dello scrittore Mandetta

Lo scrittore pubblica la sua foto in lacrime, dopo gli insulti ricevuti nel suo podere…

22 febbraio 2021

Famiglie Arcobaleno contro Raggi: “Costretti a mentire, per iscrivere i bimbi a scuola”

Il sistema informatico di Roma Capitale non dà la possibilità di inserire i nomi di…

17 febbraio 2021

Cosa ha detto Draghi sulle politiche di genere nel suo discorso per la fiducia

Il neo presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha pronunciato oggi al Senato il discorso con…

17 febbraio 2021

La Corte d’Appello assolve Pillon: “Attacchi all’associazione lgbt non sono reato”

La Corte d'Appello di Perugia ha ribaltato la sentenza di primo grado con la quale…

15 febbraio 2021

Governo Draghi, agli Affari giuridici nominato giudice contrario al matrimonio egualitario

Una nomina che fa discutere, per le idee di Carlo Deodato sul matrimonio egualitario.

15 febbraio 2021