Categorie: NewsStorie

Rugby, “Mi sposerò quando anche i gay potranno farlo”. David Pocock ha detto Sì

Lo scorso week-end, il rugbista David Pocock e la sua amata Emma si sono finalmente sposati. Una cerimonia semplice, anzi, essenziale: proprio come avevano annunciato. I due hanno celebrato il loro amore in un parco accompagnati da parroco: niente banchetto, nessun invitato.
Diversi anni fa, organizzarono una cerimonia nonché una festa con amici e parenti ma non firmarono alcun documento legale. Da sempre sostenitori dei diritti lgbt, David e Emma dichiararono che non avrebbero celebrato ufficialmente il matrimonio fino a quando il loro Paese, l’Australia, non avesse adottato il matrimonio egualitario.

La svolta è avvenuta a fine novembre 2017 quando gli australiani hanno votato per dire sì al matrimonio tra persone dello stesso. Il risultato positivo del referendum fu velocemente ratificato dal parlamento, per la gioia della comunità lgbt e dello stesso Pocock.
“Credo che io e Emma avremo qualcosa da fare —commentò ridendo il rugbista—. In qualsiasi modo lo faremo, sarà di certo di basso tenore. Ne abbiamo parlato tra di noi. Nel 2010 ci fu una piccola cerimonia con la famiglia e gli amici, ma decidemmo che non avremmo firmato nulla che i nostri amici non avrebbero potuto firmare. Ora la legge è fatta e penso che sia una bella cosa. Dovremmo essere tutti grati agli attivisti che la hanno resa possibile, perché credo che la società così migliori”.

 

Tra i primi a felicitarsi con Pocock ed Emma è stato Nigel Owens: “Grazie per tutto ciò che avete fatto in modo che tutti possano sposarsi con coloro che amano”. Owens, considerato il miglior arbitro al mondo, fece coming out come gay nel 2007.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020