Categorie: News

Tra bombe e aggressioni la bandiera rainbow resiste a Mosca per LGBT Film Festival

Non sono bastate le proteste dei neonazisti russi contro il Film Festival LGBTI di Mosca. Nè l’aggressione a una persona Lgbt ricoperta di ammoniaca o l’allarme bomba lanciato. Il  Side by Side LGBTI Film Festival è stato un successo.

Sono state continue le proteste degli ortodossi e dell’estrema destra. I neonazisti all’ingresso del festival nel tentativo di bloccare fisicamente l’ingresso, l’ammoniaca lanciata su un membro dell’ambasciata canadese e naturalmente la polizia russa che non è intervenuta se non alla termine del festival, arrestando 10 persone. “La loro reazione è stata lenta e non c’era alcun interesse a gestire la situazione. Solo dopo ripetute richieste, le chiamate telefoniche di massa ai servizi di emergenza hanno costretto la polizia a tenere sotto controllo la situazione”

Gli allarmi bomba

Venerdì il primo allarme bomba che ha costretto il Festival a ritardare la proiezione del film. L’evacuazione dell’edificio e controlli “durati dai 40 ai 90 minuti”, raccontano gli organizzatori hanno causato ritardi e disagi non indifferenti.E ancora altre telefonate che denunciavano la presenza di ordigni all’interno dell’edificio:
“Ci aspettiamo che la polizia apra le indagini relative alle chiamate” spiegano gli organizzatori, considerando che in Russia un il reato di procurato allarme comporta una condanna a sette anni.

La vittoria nella bandiera arcobaleno

Il festival resta un successo rappresentato da bandiera arcobaleno che per giorni ha sventolato fuori dal cinema, provocatoriamente e contro le leggi anti-propaganda Lgbt vigente in Russia. La polizia ha arrestato, nonostante tutto, alcuni attivisti  per aver mostrato bandiere arcobaleno e sostenuto apertamente i diritti LGBTI.
“Nonostante tutte queste pressioni, riteniamo che il festival sia stato un successo”, ha affermato Manny de Guerre l’organizzatore: “Circa 1200 persone hanno partecipato E si sono opposti ai picchetti composti da 40 persone che manifestavano contro di noi” ha concluso “Abbiamo fatto sentire la nostra voce e abbiamo difeso i nostri diritti che abbiamo simbolicamente celebrato issando la bandiera arcobaleno alla fine del festival”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ddl Zan, movimento Lgbt+ unito: “Rispettare gli impegni e votare la legge”

Si surriscalda il clima in vista della ripresa dei lavori al Senato per il ddl…

26 Ottobre 2021

Le femministe italiane: “Mantenere l’identità di genere nel ddl Zan”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato firmato da diverse esponenti del femminismo italiano, in risposta al…

25 Ottobre 2021

Ddl Zan: il fronte contro l’identità di genere torna all’attacco

Ricomincia l'attacco al ddl Zan da quella parte del femminismo che si definisce "gender critical",…

25 Ottobre 2021

Letta manda Alessandro Zan in esplorazione sulla sua legge

"Chiederò in questi giorni ad Alessandro Zan di fare un’esplorazione con le altre forze politiche…

25 Ottobre 2021

Un museo della storia dell’omosessualit a Torino? La proposta della Fondazione Fuori!

Un museo della storia dell'omosessualità a Torino. E' la proposta che Angelo Pezzana e Maurizio…

24 Ottobre 2021

Torna l’Agender 2022, con un nuovo incredibile look

Per il nuovo anno vogliamo lanciare un messaggio di rinascita e di ritrovamento della parte…

24 Ottobre 2021