Categorie: News

Tra bombe e aggressioni la bandiera rainbow resiste a Mosca per LGBT Film Festival

Non sono bastate le proteste dei neonazisti russi contro il Film Festival LGBTI di Mosca. Nè l’aggressione a una persona Lgbt ricoperta di ammoniaca o l’allarme bomba lanciato. Il  Side by Side LGBTI Film Festival è stato un successo.

Sono state continue le proteste degli ortodossi e dell’estrema destra. I neonazisti all’ingresso del festival nel tentativo di bloccare fisicamente l’ingresso, l’ammoniaca lanciata su un membro dell’ambasciata canadese e naturalmente la polizia russa che non è intervenuta se non alla termine del festival, arrestando 10 persone. “La loro reazione è stata lenta e non c’era alcun interesse a gestire la situazione. Solo dopo ripetute richieste, le chiamate telefoniche di massa ai servizi di emergenza hanno costretto la polizia a tenere sotto controllo la situazione”

Gli allarmi bomba

Venerdì il primo allarme bomba che ha costretto il Festival a ritardare la proiezione del film. L’evacuazione dell’edificio e controlli “durati dai 40 ai 90 minuti”, raccontano gli organizzatori hanno causato ritardi e disagi non indifferenti.E ancora altre telefonate che denunciavano la presenza di ordigni all’interno dell’edificio:
“Ci aspettiamo che la polizia apra le indagini relative alle chiamate” spiegano gli organizzatori, considerando che in Russia un il reato di procurato allarme comporta una condanna a sette anni.

La vittoria nella bandiera arcobaleno

Il festival resta un successo rappresentato da bandiera arcobaleno che per giorni ha sventolato fuori dal cinema, provocatoriamente e contro le leggi anti-propaganda Lgbt vigente in Russia. La polizia ha arrestato, nonostante tutto, alcuni attivisti  per aver mostrato bandiere arcobaleno e sostenuto apertamente i diritti LGBTI.
“Nonostante tutte queste pressioni, riteniamo che il festival sia stato un successo”, ha affermato Manny de Guerre l’organizzatore: “Circa 1200 persone hanno partecipato E si sono opposti ai picchetti composti da 40 persone che manifestavano contro di noi” ha concluso “Abbiamo fatto sentire la nostra voce e abbiamo difeso i nostri diritti che abbiamo simbolicamente celebrato issando la bandiera arcobaleno alla fine del festival”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

A fuoco il locale che ospita il “BeQueer”, storica serata LGBT+ umbra

Nella notte tra il 22 e il 23 dicembre un incendio ha distrutto una parte…

23 Dicembre 2022

I 5 libri da regalare a Natale 2022

Siete a corto di idee per questo Natale 2022? Niente paura, come ogni anno Gaypost.it…

22 Dicembre 2022

Lettera di Famiglie Arcobaleno alla ministra Roccella: “Non è la lotteria del DNA che ci fa genitori”

Sta facendo molto discutere una recente affermazione della ministra della Famiglia Eugenia Roccella a proposito…

19 Dicembre 2022

Associazioni e attivistз trans*: “Il ministro Valditara tuteli la carriera alias”

Nei giorni scorsi si è consumato l'ennesimo attacco alla comunità trans+. Questa volta, a mettere…

15 Dicembre 2022

Ci siamo, il centro di accoglienza a Cagliari per le persone Lgbt+ vittime di discriminazione

Presentato giovedì scorso, in occasione del ventennale dalla nascita di Arc Cagliari, tra le più…

3 Dicembre 2022

1 dicembre, Giornata di lotta all’Aids: i dati dell’ultimo anno in Italia

In occasione della Giornata di lotta all'Aids, l'Istituto Superiore di Sanità ha rilasciato i dati…

1 Dicembre 2022