Categorie: News

“Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”: omofobia ad Ascoli Piceno

Ancora omofobia, in una spirale di violenza che sembra non avere fine. Stavolta ad Ascoli Piceno, dove la vittima è Raniero Bertoni, abituale avventore del Bar delle Caldaie, nel cuore della città. Qui l’uomo decide di consumare un bicchiere di vino e di andar subito via – come riporta il sito Fanpage.it – visto che non c’erano conoscenti o amici. Tuttavia, al momento di pagare si sarebbe consumata un’aggressione ai suoi danni da parte del barista del locale.

La versione della vittima

«Al momento di andare a pagare il conto, il barista mi ha detto di essere nazista» è la versione di Bertoni, raggiunto dalla redazione Gaypost.it. «Mi ha anche detto» continua «che i gay non erano ammessi nel suo locale. Quindi si è avvicinato a me, minacciandomi, alzando il braccio per colpirmi. Io ho avuto paura e sono fuggito dal bar, andando in piazza. Lì ho subito chiamato la polizia. Non so se ha provato a seguirmi e se qualcuno lo ha fermato, ma i poliziotti mi hanno consigliato di evitare quel locale, per non rischiare altri guai».

La denuncia

L’uomo, subito dopo aver chiamato le forze dell’ordine, ha anche sporto denuncia per le minacce ricevute. Secondo quanto riportato nel verbale, il barista poco prima di aggredirlo avrebbe anche detto: «Adesso ti do modo di denunciarmi». Bertoni ha anche dichiarato che non è la prima volta che in quel bar ha sentito battute omofobe, contro di lui, ma che ha deciso di ritornarvi per non darla vinta a chi pensa che discriminazioni e insulti possano avere cittadinanza nella nostra società.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020

Diversity e inclusione: il webinar con Unar per lavoratrici e lavoratori Lgbti+

Un appuntamento sulla gestione delle differenze e della diversità nel mondo del lavoro.

20 ottobre 2020

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020