Categorie: News

Tornano le Sentinelle in piedi: ora l’obiettivo sono le persone transgender

Non si sentiva parlare delle Sentinelle in piedi da un po’. Passati i clamori delle unioni civili, questa frangia del movimento omofobo è tornata nell’ombra. Fino a questo week end, quando sono state avvistate a Genova. Sabato scorso, infatti, una cinquantina di attivisti si è radunata in via Galata a manifestare. Per cosa?

Quando gli omofobi sposano l’agenda Terf

«Oggi siamo qui per una testimonianza di verità e libertà» scrive il sito Genova24h.it, riportando le parole della portavoce del movimento. «Siamo qui per dire che “gli uomini non sono donne”. È una banalità. Eppure, Meghan Murphy, scrittrice femminista canadese ha avuto il suo account Twitter bloccato perchè ha osato riferirsi al sedicente transessuale Jonathan “Jessica” Yaniv con il pronome maschile, scrivendo inoltre che “gli uomini non sono donne”». Insomma, l’agenda omofoba sembra sovrapporsi a quella delle attiviste Terf. Ci ricorda qualcosa?

Tirando in ballo Martina Navratilova

La manifestazione a Genova

«Dichiaratamente lesbica dal 1981, la tennista Martina Navratilova è stata recentemente epurata dalla lista degli ambasciatori LGBT “Athlete Ally” per aver osato criticare gli atleti trans» hanno denunciato, ancora, le Sentinelle genovesi. Che rilanciano la loro azione nella società: «Se la verità non ha più cittadinanza sui media, a scuola, nei posti di lavoro, le Sentinelle in Piedi scendono in piazza per proporre, a tutti, di riflettere sulla bellezza della natura umana, della differenza sessuale, dei legami familiari, dell’apertura alla vita. E sul rischio, sempre più evidente, che, calpestando la verità, si finisca per sopprimere anche la libertà, di tutti, a partire dai più deboli».

La semplice verità

Eppure è davvero molto strano: nessuno vuole pervertire la “verità”. Ma, banalmente, l’identità sessuale – e individuale, più a larga scala – segue regole precise. Lo dice la scienza, per altro, mica la lobby del “gender”. Nei casi di identità di genere non conforme al sesso, alla nascita, è un diritto dell’individuo procedere affinché il suo corpo, attraverso un percorso specifico, rifletta l’idea che quella persona ha di se stessa. Cosa ci sarebbe di falso in tutto questo? Se una persona transgender sente di essere donna oppure uomo, è tale. E non toglie nulla a chi, invece, si riconosce al proprio sesso biologico. Dire no a tutto questo è un atto di disumanità. La verità, forse, è solo questa.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020

Quarantena e informazioni: 3 buone pratiche per affrontare il coronavirus

Attenzione alle informazioni che troviamo sul web: non tutte sono buone e rischiano di creare…

25 marzo 2020

Gestire la paura: i 10 consigli degli psicologi contro lo stress da coronavirus

Dieci buoni consigli per evitare di farsi prendere dal panico, durante l'emergenza da coronavirus.

24 marzo 2020

La cosa più difficile per un genitore? Spiegare ai nostri figli cosa sta succedendo là fuori

Cosa significa vivere in una famiglia arcobaleno, al tempo del coronavirus.

20 marzo 2020