“Un figlio gay? Lo brucerei nel forno”: chiesto rinvio a giudizio per consigliere leghista

🦄 LE AGENDER SONO TORNATE 🦄

“Se avessi un figlio gay, lo brucerei nel forno“. Era il 10 febbraio 2016 e a pronunciare quelle parole -sempre smentite dall’interessato- fu il consigliere regionale ligure Giovanni De Paoli (Lega) nel corso di un incontro con Agedo Genova (associazione di genitori di omosessuali. Si sollevò un vespaio e una senatrice del Partito Democratico denunciò il caso a Palazzo Madama, nel cuore del dibattito sulle unioni civili.

Due anni dopo, la sostituta procuratrice Patrizia Petruzziello ha chiesto il rinvio a giudizio per De Paoli con l’accusa di diffamazione aggravata dall’odio discriminatorio. Gli avvocati di Gay Lex, intervenuti per conto del Comitato per gli immigrati e contro ogni forma di discriminazione, avevano infatti richiesto di applicare il principio la legge Mancino. La norma, sebbene non faccia riferimenti espliciti a discriminazioni a causa dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere, prevede aggravanti nel caso di reati per motivi razziali, etnici o religiosi.

Il caso passa quindi fra le mani del giudice per l’udienza preliminare che dovrà decidere se rinviare a giudizio o prosciogliere De Paoli.

Approfondimento: Omofobia e transfobia, cosa dice la legge?

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020

Decreto sicurezza: mai più migranti lgbt+ respinti se arrivano da paesi omofobi

I migranti che nel loro paese rischiano persecuzioni per via del loro orientamento sessuale o…

18 novembre 2020

“Rettore donna” è solo Donatella. E studiate l’italiano, per dio!

Qual è la ragione per cui giornali e opinione pubblica resistono al femminile delle professioni?

15 novembre 2020

Brescia, il Tribunale dice sì: Luisa ha due mamme, nonostante la Cassazione

Il Tribunale di Brescia ha detto sì: la piccola Luisa (nome di fantasia) ha due…

14 novembre 2020