Categorie: News

Torino, coppia aggredita alle spalle. È successo ad agosto

Un’aggressione agostana avvenuta al Parco Regio di Torino e resa pubblica solamente adesso. Si tratterebbe dell’ennesimo caso di omofobia in Italia denunciato durante l’estate.

L’AGGRESSIONE

Protagonisti, anzi, vittime della vicenda sono Antonio, insegnante di danza e Bruno, docente alle superiori. Antonio e Bruno sono una coppia e stanno passeggiando mano nella mano in corso Regio Parco. Sono le dieci di sera.
Poco prima del ponte che porta a Corso Regina, Bruno si sente sfiorare la spalle e poi sente un forte dolore. Qualcuno lo sta colpendo al viso. Una, due, tre volte. Cade a terra e urla. I due aggressori, che li avevano raggiunti alle spalle, scappando lasciando in terra lo zaino e il portafogli: non è stato un tentativo di rapina. Qualcuno chiama il 112.
Alla Stampa Bruno racconta: «Avevo paura di aver battuto la testa tanto era il male, ma Antonio mi ha tranquillizzato». E Antonio: «Tutto si è svolto a una velocità impressionante, ero pietrificato».

DOPO L’AGGRESSIONE

Poco dopo la chiamata arrivano due volanti ma, secondo il racconto, la polizia risponde che andare a cercare gli aggressori sarebbe inutile. Arriva anche l’ambulanza del 118 che porta Bruno in ospedale. La diagnosi è frattura del setto nasale che necessita di operazione e prognosi di quindici giorni.
Sempre al quotidiano torinese racconta anche di aver sporto denuncia: «Solo la mattina seguente mi sono reso conto che nell’aggressione mi era sparita la catenina che tenevo sotto la maglietta e che non potevano aver visto arrivando da dietro. Sono stati molto gentili (i poliziotti, ndr), hanno detto però che aspettavano il rapporto della volante. Nella denuncia abbiamo dichiarato il furto della catenina, ma non abbiamo potuto parlare di omofobia, dal momento che non è reato. Purtroppo si è poi appurato che non erano state prese le generalità dei testimoni e nemmeno acquisiti i video delle telecamere vicine».

“Bisogna che tutti agiscano”

E Antonio: «Al commissariato erano veramente intenzionati a fare indagini, hanno preso a cuore la nostra causa, ci hanno ascoltati più volte. Ma senza elementi raccolti al momento dell’aggressione, purtroppo è finita lì. Tante volte abbiamo letto di aggressioni omofobe e sempre abbiamo detto “poveracci”. Ora sappiamo sulla nostra pelle che se capita, bisogna che tutti agiscano per fare in modo che non capiti più».
Solo adesso, con le ferite fisiche di Bruno rimarginate, la coppia ha deciso di rendere pubblica la vicenda: «Noi continuiamo a passare da quel luogo, nonostante ci sia ancora il segno del sangue, a fare la spesa a Porta Palazzo e a pensare a un viaggio in Marocco».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020