Categorie: News

La gabbianella, il gatto e le famiglie arcobaleno secondo Sepulveda

Una notizia che ci addolora profondamente, la morte di Luis Sepulveda. Non solo perché il coronavirus si è portato via un grande scrittore che il coronavirus, rendendo più povere e più solitarie le nostre vite. Come se ce ne fosse bisogno. Non abbiamo potuto fare a meno di amare Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, in cui si parla di una famiglia non convenzionale – formata addirittura da appartenenti a specie diverse – basata sull’amore e sul rispetto reciproco di chi la compone.

Sepulveda: “Non vedo perché negare l’adozione alle coppie gay”

Il vuoto che lascia è anche, e forse soprattutto, militante e politico. Perché va via un uomo dai grandi principi e valori: l’ambientalismo, il dialogo tra le diversità, il pacifismo e l’animalismo. Ma non solo. Sepulveda, infatti, si è detto favorevole anche all’adozione da parte di single e coppie di persone dello stesso sesso: «Sono apertamente favorevole» dichiarò durante un’intervista, nel 2013. «Credo che quando una persona o due persone hanno la capacità di dimostrare amore e responsabilità, non vedo perché non hanno il diritto dell’adozione di un bambino».

Storia di uno scrittore, di un gatto e una gabbianella

Quello che forse è il suo romanzo più famoso è stato scritto in onore del suo gatto. Dopo la sua morte, a cui dedicò queste parole: «A Zorba sarà fatta un’iniezione che lo addormenterà. Che in sogno lo porterà in un mondo senza cani e senza neve, pieno di tetti grandi e soleggiati, di alberi infiniti. E lui, dalla cima di uno di questi, ci guarderà, per ricordarci che mai si dimenticherà di noi. È notte, mentre scrivo; Zorba, che respira appena, riposa ai miei piedi. Il suo mantello splende sotto la luce della lampada. Nelle mani, mentre lo accarezzo, tanta tristezza e un senso di impotenza. Egli è testimone di tante pagine. Ha condiviso con me la solitudine e il gran vuoto che ti arrivano addosso dopo aver messo il punto conclusivo a un romanzo. Gli ho recitato i miei dubbi e le poesie che penso di scrivere, un giorno. Zorba. Domani, per amore, ti perderò, grande compagno».

 

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020