News

Outing di massa in Marocco su iniziativa di un importante influencer

Un vero e proprio outing di massa, quello che si sta consumando in Marocco, per l’iniziativa dell’influncer Sofia Taloni. A riportare la notizia è Il Grande Colibrì. Il personaggio molto noto nel mondo arabo, che si identifica come uomo gay, ha infatti invitato le ragazze del suo paese a scaricare le app per incontri di uomini – Grindr, nello specifico – e scoprire, per poi renderla pubblica, l’identità degli uomini con cui entrano in contatto.

Le istruzioni per incastrare gli uomini gay

Sofia Taloni, che è residente in Turchia, «ha fornito informazioni specifiche per trovare le app e su come comportarsi una volta entrati, come mettere foto false e dichiararsi passivi, per attirare più facilmente gli utenti». Sempre secondo Il Grande Colibrì, non si hanno al momento informazioni precise «sulla dimensione effettiva del fenomeno, è però certo che molte ragazze hanno seguito le indicazioni di Taloni  e si sono fatte inviare foto del viso e foto di nudo, che hanno diffuso su diversi social network».

Le conseguenze dell’outing

Sofia Taloni

Gravi le conseguenze immediate, «stando a diverse segnalazioni» arrivate all’associazione che ha diramato la notizia: «Si parla di ragazzi cacciati di casa, di persone che hanno perso il lavoro e  circolano anche – da verificare – notizie di suicidi». In un contesto politico e culturale, quello del Marocco, in cui l’omosessualità è ancora punita per legge, con la reclusione fino a tre anni e pene pecuniarie. E in cui le violenze contro gli omosessuali vanno dai pestaggi all’“omicidio d’onore”.

Un’operazione discutibile

Sofia Taloni, in un’intervista, ha motivato le ragioni della sua “campagna”: smascherare l’ipocrisia degli uomini marocchini che alla luce del sole l’attaccano, così come condannano l’omosessualità, ma che poi «nel loro privato intrattengono con altri uomini relazioni amorose o sessuali». Un tentativo maldestro – e parecchio discutibile – di «rompere il tabù dell’omosessualità». Sebbene, così facendo, l’influencer ha di fatto messo in serio pericolo la vita di molte persone, fornendo «agli haters istruzioni precise su come incastrare gli utenti delle chat gay». In un momento come questo, soprattutto, in cui «anche il Marocco è sotto isolamento causa COVID-19», fatto che «acuisce le situazioni di rischio, con il Paese militarizzato per evitare la violazione delle norme di sicurezza».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ci siamo, il centro di accoglienza a Cagliari per le persone Lgbt+ vittime di discriminazione

Presentato giovedì scorso, in occasione del ventennale dalla nascita di Arc Cagliari, tra le più…

3 Dicembre 2022

1 dicembre, Giornata di lotta all’Aids: i dati dell’ultimo anno in Italia

In occasione della Giornata di lotta all'Aids, l'Istituto Superiore di Sanità ha rilasciato i dati…

1 Dicembre 2022

Tdor 2022, le iniziative nelle principali città italiane

Torna come ogni anno il Tdor, il giorno che commemora le vittime di transfobia e…

18 Novembre 2022

Carte d’identità, Palazzo Chigi: “Evidenti problemi di esecuzione dell’ordinanza di Roma”

Secondo il governo guidato da Giorgia Meloni, l'ordinanza del Tribunale di Roma sulle carte di…

16 Novembre 2022

Roma: illegittimo il decreto di Salvini che impone “padre” e “madre” sulle carte d’identità

Ricordate la crociata di Salvini contro la dicitura "genitore" sulle carte di identità elettroniche? E…

16 Novembre 2022

Sono arrivate le Agender 2023: un anno di unità, forza e solidarietà

Abbiamo poche certezze. Ultimamente, addirittura, pochissime. Una di queste è l'ormai immancabile Agender di Gaypost.it…

10 Novembre 2022