Categorie: News

Veneto: Zaia vuole un centro d’eccellenza per il cambio di sesso per le persone trans, ma la maggioranza boccia tutto

Erano previsti 600 mila euro in tre anni, 200 mila ogni anno, che avrebbero dovuto finanziare un centro d’eccellenza per il cambio di sesso, in Veneto. Ma la maggioranza di centrodestra ha sconfessato, per la prima volta, il presidente Zaia e la sua giunta votando contro il provvedimento per il Policlinico di Abano Terme.
Secondo quanto riporta Il fatto quotidiano, infatti, la delibera della giunta è stata affossata da tre mozioni presentate dalla Lega, e da due consiglieri della lista Tosi (centrodestra, dunque). Tutti componenti della maggioranza che, in teoria, avrebbe dovuto appoggiare il provvedimento.

La giunta non partecipa al voto

Grande imbarazzo della giunta che, per non andare contro la propria maggioranza, ha preferito non partecipare al voto. Quella che era stata prospettata come un’eccellenza sanitaria per la Regione, che avrebbe posto il Veneto al pari di centri di livello internazionale, quindi, non si farà. Perché?

“Una perversione”

A sentire chi si è opposto, come il consigliere leghista Finco, “di fronte alla crisi demografica la priorità è aiutare le politiche per la natalità, e non queste che ritengo perversioni”. Invece il consigliere Casali “la cura come servizio pubblico (va garantita, ndr) solo dei casi di ermafroditismo“. Il consigliere confonde le persone intersex e quelle trans.

“Lo facessero a spese loro”

A fugare i dubbi di chi ha pensato che fosse un attacco alla giunta Zaia, è arrivato Finco. “Non vogliamo andare contro la giunta, ma questo tema va discusso – ha dichiarato il leghista-. Se ci sono persone che vogliono cambiare sesso, lo facciano, ma non a spese del pubblico altrimenti rendiamo gratuita anche la chirurgia plastica. Un Centro del genere non rappresenta la priorità della Regione”.

A favore solo la minoranza

Contro le mozioni (e quindi a favore della delibera) hanno votato solo Partito Democratico, Liberi e uguali, un consigliere della Lista Moretti. In tutto 9 voti contro i 24 della maggioranza. Tutto inutile. Con buona pace dell’assessore alla Sanità. Coletto aveva dichiarato: “È una scelta di qualità e modernità che mette un servizio di alta specializzazione a disposizione di persone che si trovano in una condizione del tutto particolare, che può comportare sofferenza psicologica e fisica”.
E con buona pace, manco a dirlo, di tutte le persone trans che avrebbero potuto usufruire di un nuovo centro d’eccellenza che, invece, non ci sarà.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020

La stanza dei canarini: l’amore tra Giulia e Adele, una storia tutta schiaffi

«Perché è questo che succede quando due si lasciano. Succede che uno decide di morire…

12 settembre 2020