Categorie: News

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per il capitolo finale della saga. Dopo un lungo reboot avviato nel 2020, per i venticinque anni dalla prima messa in onda dell’anime in Giappone e, quindi, nel resto del mondo. Il titolo dell’episodio conclusivo è ufficialmente Pretty Guardian Sailor Moon Cosmos – The Movie e chiude una delle serie tv più fortunate di tutti i tempi. La pellicola è il seguito di Pretty Guardian Sailor Moon Eternal, film d’animazione del 2021, e chiude il ciclo ribattezzato Crystal, più aderente al manga rispetto al cartoon degli anni ’90.

Le Sailor Starlights

La locandina dell’ultima stagione

Una domanda che si porranno fan e amanti della serie riguarda già il “destino” delle Sailor Starlights. Come ricorda un articolo su Wired, «sono tre guerriere provenienti dal pianeta Kinmoku giunte sulla Terra per ritrovare la loro principessa perduta. Nel manga, per fare ciò, si travestono da cantanti maschi per formare il gruppo Three Lights». Nella versione tv, però, «la loro forma umana è quella di tre ragazzi biologicamente maschi che, solo trasformandosi, tornano a essere donne». Un vero e proprio cambio di genere che, nel riadattamento italiano, ha portato a pesanti censure e non poche polemiche.

Sorelle gemelle…

Nella versione italiana dell’anime degli anni ’90 si pensò di superare l’ostacolo del mutamento di genere attraverso un escamotage narrativo estremamente azzardato: le tre guerriere altro non erano che tre ragazze, “rinchiuse” nel corpo dei rispettivi fratelli. Quando si trasformavano, i tre protagonisti – che nella finzione narrativa erano anche cantanti piuttosto famosi – “liberavano” le tre sorelle che si presentavano sotto forma di guerriere. Quando sarebbe stato più semplice, per ogni tipo di pubblico, rispettare la scelta dell’autrice.

Le precedenti censure a Sailor Moon

Le Sailor Starlights

Non è la prima volta che in Sailor Moon si assiste a questi cambi di genere. A volte operati dalla censura nostrana per nascondere relazioni omosessuali o personaggi dalle identità fluide. Già nella prima stagione Zoisite (Zachar, nella versione italiana) – che era in realtà un generale di sesso maschile – è rappresentato come donna cis-etero, perché innamorato del compagno Kunzite. Mentre nella quarta stagione Fhisheye, appartenente al Trio Amazzonico, è originariamente un uomo che ama travestirsi con abiti femminili. Nella versione andata in onda in Italia, invece, è stato proposto come una ragazza.

Correttezza filologica

Vedremo che trattamento subiranno le Starlights nell’ultimo capitolo di Sailor Moon. La nuova versione, anche nel riadattamento italiano, ha già dato prova di rispettare le scelte narrative e i personaggi dell’anime originale. Vedremo se anche in quest’occasione prevarrà la fedeltà filologica, sempre preferibile, e non il solito bigottismo che ha contraddistinto la programmazione di questa serie tv.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Catania, Comune nega la carriera alias alle persone transgender

Il comune di Catania nega la carriera alias alle persone transgender e non binarie della…

22 Giugno 2024

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023