Categorie: News

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l’Enna Pride di ieri ne è un esempio mirabile. Una manifestazione, la prima nella città del centro geografico della Sicilia, che – come hanno fatto notare dal comitato organizzatore – ha scritto un pezzo di storia del capoluogo. Un primo passo pionieristico, che porta l’onda arcobaleno laddove si pensava (erroneamente) che non sarebbe mai arrivata. E invece possiamo raccontare un’altra storia, appunto.

Rispondere al bisogno di una comunità

Facciamo un passo indietro: i pride non nascono spontaneamente. Occorre, innanzitutto una comunità in loco che ne senta il bisogno. Poi bisogna mettersi all’opera. Il circolo Arci Petra di Enna è stato il promotore di questa risposta a quel bisogno. Dopo un rapido confronto con Open Catania, realtà queer all’interno del circuito Arci, si è deciso di procedere. Certo, i dubbi erano tanti. “Un pride” si è detto durante le prime call preparatorie “si fa anche se a organizzarlo sono due persone. Se lo volete, l’Enna Pride si farà“. Ed è così che è cominciata l’avventura.

La madrina dell’Enna Pride

Un momento del corteo all’Enna Pride

E così, dopo poco più di un mese di preparativi, l’Enna Pride è diventato una meravigliosa realtà che ha attraversato le strade della città di Euno, lo schiavo che diede il via a una rivolta per spezzare le catene che lo opprimevano. Quale luogo migliore, per spezzare i legacci che impongono a una comunità di vivere ai margini della visibilità? In tal senso è stato importante, a parer di chi scrive, l’aver scelto come madrina Joselito Pappalardo, storico membro della comunità Lgbtqia+ ennese che ha sempre portato con fierezza e alla luce del sole la sua identità. “Mi sono commossa fino alle lacrime”, mi ha detto un’amica del luogo, vedendo le foto di ieri. “Joselito che apre il pride e si riscatta da decenni di insulti, è il top”. Giusto per capire di cosa stiamo parlando.

Il fascino della prima volta

E poi il pride è andato come doveva andare. Coi colori, con la musica, con quell’aria di festa che si respira a ogni marcia dell’orgoglio. Ma c’era qualcosa in più ed è il fascino della prima volta. Quando hai le farfalle nello stomaco al punto tale che ti sembra di sollevarti, assieme a loro, da terra e di volare chissà dove, al punto che ti gira la testa. Per poi tornare coi piedi saldamente a terra e marciare con fierezza. Come è successo a Melania Benvegna, giovane attivista del comitato organizzatore, in prima fila a tenere lo striscione del corteo. “Non mi sembra vero, io sono una persona timida e ora sono qua, davanti alla città. È un’emozione grandissima“. Come darle torto?

La risposta della città

Gli slogan al corteo

E poi l’Enna Pride è andato come doveva andare. Con le persone ai bordi delle strade, che sorridevano e fotografavano. Con quella signora di una certa età, i capelli bianchi e delle coccarde arcobaleno messe apposta sul davanzale a salutare il corteo. Ed enorme e grato è stato l’applauso della folla a quell’immagine, che era un riconoscimento reciproco. Dopo chissà quanto tempo passato a fare a botte con un’incomunicabilità imposta da un sistema ingrato, violento e indegno. Il pride invece ha in sé questa grande magia: ci si conosce, ci si apre vicendevolmente, si rompono steccati. E catene, appunto.

L’antifascismo dell’Enna Pride

E poi c’è stata tanta politica, oltre la festa. Si è ricordata la necessità di porre fine alla guerra in Palestina e alle violenze da parte dell’esercito israeliano. Si è messo in chiaro un punto irrinunciabile: l’antifascismo. E lo si è fatto intonando Bella ciao di fronte alla sede di Fratelli d’Italia. Per concludere con i discorsi sul palco, dove la città si è riunita in quello che è stato un abbraccio collettivo. Il primo di una lunga serie. Perché quando la prima onda arriva, ne arriveranno altre e altre ancora. Quella di ieri, a Enna, è stata travolgente e meravigliosa. Vedremo cosa accadrà da questo momento.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Catania, Comune nega la carriera alias alle persone transgender

Il comune di Catania nega la carriera alias alle persone transgender e non binarie della…

22 Giugno 2024

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023