Categorie: News

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone transgender possono avere problemi a recarsi alle urne. Spesso, infatti, c’è difformità tra il nome scritto sulla carta di identità e quello di elezione, così come tra aspetto fisico prima e dopo la transizione. Ciò porta a molte persone della comunità T a non recarsi a votare e a non esercitare il proprio diritto di scegliersi chi ci rappresenterà. Tuttavia, quest’anno riscontriamo alcuni segnali d’apertura.

Cosa dice la legge italiana

L’Italia ha una legge targata 1967: essa stabilisce la rigida divisione in maschi e femmine, per quanto riguarda le liste elettorali. La comunità Lgbtqia+ da diverso tempo fa notare che tale impostazione binaria non corrisponde più alla più ampia e complessa composizione sociale. Una soluzione sarebbe quella di dividere l’elettorato secondo criteri alfabetici, ad esempio. Tuttavia la classe politica è ancora sorda a varare misure di buon senso e inclusive. Eppure, in alcuni comuni le cose stanno cambiando.

Le scelte dei comuni di Padova e Milano per le europee

Il Comune di Milano e il Comune di Padova, ad esempio, hanno deciso di raccomandare ai/lle presidenti di seggio di non procedere per la separazione di chi vota per genere, pur ricordando che la legge prevede questa misura. Attraverso un apposito vademecum, si «invitano gli ufficiali a disporre in un’unica fila, invece di due divise per genere, elettori ed elettrici che aspettano di votare, per non creare difficoltà alle persone transgender, rispettandone la privacy e la riservatezza, evitando loro inutili disagi» si legge su Domani.

Cosa fanno le associazioni Lgbtqia+ per le europee

Accanto a questo tipo di iniziative, ve ne sono altre di supporto, da parte di realtà Lgbtqia+. Omphalos Perugia, ad esempio, ha predisposto un servizio di accompagnamento delle persone transgender al seggio, in modo da fornire supporto a chi volesse andare a votare senza dover fare coming out forzati. Pink Riot – Arcigay Pisa, invece, ha predisposto «una tessera, da presentare insieme ai documenti quando ci vengono richiesti (che sia ad esempio il voto o un controllo da parte delle forze dell’ordine), per comunicare discretamente la propria identità e dare l’opportunità alla persona davanti a noi di rispettarci, evitando domande, commenti ed esposizioni pericolose».

Un piccolo passo, in direzione della democrazia

Ancora molto poco, ce ne rendiamo conto, per quanto lodevoli come iniziative. Eppure è un primo passo. Chissà che altre realtà e altri comuni non seguano questi esempi, in futuro, per garantire un’ampia partecipazione delle persone transgender e non binarie. Per garantire, in altre parole, alla democrazia di essere tale.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Catania, Comune nega la carriera alias alle persone transgender

Il comune di Catania nega la carriera alias alle persone transgender e non binarie della…

22 Giugno 2024

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024

“Bruciamo tutto”: perché, da maschio, dico che il patriarcato è il problema

Vogliamo parlare di patriarcato? Parliamone.  A inizio anno, a gennaio inoltrato, sono stato invitato a…

23 Novembre 2023