News

La Regione nega il patrocinio al Milano Pride: “Nessuna valenza culturale”

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio. E se il lupo è la solita Lega e il vizio è quello di fare tutto, pur di ostacolare la strada per la piena eguaglianza delle persone Lgbt, non stupirà sapere che l’amministrazione Fontana – il nuovo governatore della regione Lombardia – ha negato il patrocinio gratuito per il Milano Pride, che si terrà il prossimo 30 giugno.

I precedenti di Fontana

Una passata edizione del Milano pride

La richiesta di patrocinio gratuito è stata bocciata con tre voti all’ufficio di presidenza del Consiglio Regionale da parte dei rappresentanti di Forza Italia e Lega. Gli altri due, favorevoli, erano del Partito democratico e del Movimento Cinque Stelle. Come riporta Repubblica.it, la decisione dell’amministrazione di negare il patrocinio, «che per ora alla manifestazione è stato dato solo dall’Università Bicocca, non è una sorpresa: già lo scorso aprile, intervistato da Lettera43, il neo-governatore Attilio Fontana aveva reso chiaro il suo no all’appoggio alla manifestazione».

“Manifestazione che non ha alcuna valenza culturale”

Pesanti anche le motivazioni, per cui tale scelta è stata presa: «Bene che dopo il no del governatore Attilio Fontana e della giunta anche il consiglio regionale lombardo abbia deciso di negare il patrocinio al Gay pride, un evento che non ha alcuna valenza culturale, che regolarmente sconfina in volgarità e che non necessita di patrocinio pubblico» dichiara Paolo Grimoldi, segretario della Lega Lombarda, al Giornale. Eppure ci sarebbe molto da discutere, visto che la Pride Week – che partirà dal 22 giugno – prevede una vasta gamma di appuntamenti. Sarebbe il caso che qualcuno lo spiegasse agli amministratori leghisti, forse un po’ disabituati  a riconoscere la cultura quando la vedono.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Catania, Comune nega la carriera alias alle persone transgender

Il comune di Catania nega la carriera alias alle persone transgender e non binarie della…

22 Giugno 2024

Ignazio Marino, sei ancora un alleato della comunità LGBTQIA+?

Ce lo ricordiamo tutti, Ignazio Marino, allora sindaco di Roma, che trascrive pubblicamente 16 matrimoni…

12 Giugno 2024

Europee 2024, piccoli passi per garantire il diritto di voto alle persone trans

Come a ogni tornata elettorale, e ciò vale anche per le elezioni europee, molte persone…

8 Giugno 2024

Arriva la saga finale di Sailor Moon: il ritorno delle guerriere “transgender”

Una notizia a lungo aspettata dalla fan base italiana: Sailor Moon torna su Netflix, per…

7 Giugno 2024

Enna Pride, la prima volta della marcia arcobaleno nel centro della Sicilia

Ci sono le prime volte, alcune delle quali lasciano un segno indelebile, e l'Enna Pride…

2 Giugno 2024

Padova: il Tribunale dice sì a 35 certificati con due mamme

Il Tribunale di Padova ha rigettato tutte le impugnazioni degli atti di nascita con due…

5 Marzo 2024