Categorie: Cool

Lesbiche drammatiche e Pussy Galore: la due giorni di disagio puro a cui non potete mancare

A noi di Gaypost.it le feste piacciono un sacco (strano, eh?) e quando ci invitano non sappiamo proprio dire di no. E così è stato anche per la due giorni di Chi dice lesbica dice dramma e Pussy Galore, in programma da stasera al Cassero di Bologna. Poi, dopo che abbiamo accettato con entusiasmo l’invito, ci siamo chiesti “perché?”. Anzi l’abbiamo chiesto a Mc Nill, rapper naturalizzata bolognese e tra le organizzatrici dell’evento, alla sua terza edizione.

“Per la figa” ci ha risposto, già nel pieno del turbine del disagio da sovraffollamento di lesbiche drammatiche. “Ehm, a parte gli scherzi – prova a farsi seria – ci piaceva creare un contenitore e un contenuto che non fosse il solito”.

Cioè?
“Quello dove devi chiamare per forza la figa famosa e il pubblico resta passivo ad ammirarla. Non vogliamo quella roba lì. Noi abbiamo un pubblico bello perché suda e crea disagio insieme a noi. Non c’è divisione tra chi sta in consolle e il pubblico. Su Instagram sei una vip? Quando entri da noi sei come tutte le altre, quindi balla e pijati una birra”.

(continua dopo il video de “Le Strulle”)

🔥IL DISAGIO È ALLE STELLE🔥
Avete dubbi?
Guardate le nostre Strulle come sono messe!
🔥

Pubblicato da Chi dice lesbica dice dramma. su Giovedì 4 maggio 2017

Tutte vip e nessuna vip, insomma.
Esatto, siamo per le diversità e per l’autodeterminazione. C’è per esempio Miss Lesbica Drammatica che è un concorso senza senso. Fatto senza senso: nel giro di dieci minuti si incorona una presa a caso nel pubblico.

In che senso? Che requisiti deve avere Miss Lesbica Drammatica?
La verità è che non ne abbiamo ancora idea. Ma ogni anno vince qualcuna. Dobbiamo ancora scoprire perché.

“Presa a caso dal pubblico” significa che potrebbe anche non essere lesbica, la miss.
Esatto! Sei già una di noi.


E siamo a due concorsi gay a cui potrebbe vincere un/una etero. E va be’. Anche se ancora non avete capito bene (neanche noi, a dire il vero), tanto dovrebbe bastare a darvi la misura di cosa vi/ci aspetta in questi due giorni bolognesi che promette “dramma e disagio senza frontiere”. Ma se così non fosse, ecco qualche dettaglio in più sull’evento.

Il programma

In consolle sul palco principale ci saranno: Milla, La T ed Mc Nill, ovviamente con Rrose al microfono “per domarvi tutte!”, qualsiasi cosa significhi. Durante la serata tutte possono salire sul palco e “ballare come le matte”. Il programma prevede anche una serie di special guest e poi c’è il “poiana prive” che diventa una “cicchetteria/pomiceria” con Chang. E ancora un “giocone” che sarà svelato durante la serata, quando “sarete tutte ubriache e sarà bellissimo”, la terza edizione di Miss Lesbica Drammatica, il torneo di biliardino (drammatico anche quello, ça va sans dire) e i gadget di Chi dice lesbica dice dramma. Ma questo è il programma solo del primo giorno. Trovate i dettagli qui, qui tutto quello che dovete sapere sul pre-party di questa sera, e qui, invece, tutte le info su cosa succederà domani.
E infine le organizzatrici avvertono: “Il disagio è nell’aria, inutile portare maschere anti-disagio anche perché non esistono”. Preparatevi.

Non poteva mancare: il gatto

Per finire, Mc Nill ci chiede di mettere una foto di gattini a caso che, abbiamo capito, sono funzionali alla sindrome della poiana. Non potevamo esimerci, capirete. Quindi, il gatto è servito. Ci vediamo questa sera al Cassero. E che il disagio sia con voi!

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Coronavirus? È la collera di Dio contro i gay”: così un consigliere vicino a Trump

Dichiarazione choc di un pastore evangelico, molto vicino al governo del presidente americano.

30 marzo 2020

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020

Quarantena e informazioni: 3 buone pratiche per affrontare il coronavirus

Attenzione alle informazioni che troviamo sul web: non tutte sono buone e rischiano di creare…

25 marzo 2020

Gestire la paura: i 10 consigli degli psicologi contro lo stress da coronavirus

Dieci buoni consigli per evitare di farsi prendere dal panico, durante l'emergenza da coronavirus.

24 marzo 2020

La cosa più difficile per un genitore? Spiegare ai nostri figli cosa sta succedendo là fuori

Cosa significa vivere in una famiglia arcobaleno, al tempo del coronavirus.

20 marzo 2020