Cool

“L’ipotesi neocattolica”, il nuovo libro di Massimo Prearo sui “no gender”

Cosa lega la destra radicale – e, in certi frangenti, anche la più estrema – ai movimenti che contestano e si oppongono al progresso civile del nostro paese? Cosa ha portato all’uso politico della religione, soprattutto a partire dalla crisi del più grande partito “cristiano” che l’Italia abbia mai avuto, per poi sfociare nelle crociate contro il “gender”, le unioni civili, l’educazione di genere a scuola, le politiche antidiscriminatorie, il diritto all’interruzione di gravidanza e molto altro ancora? A tutte queste domande prova a rispondere Massimo Prearo, con il suo ultimo volume L’ipotesi neocattolica, di recentissima uscita per Mimesis Edizioni.

L’ipotesi neocattolica, di Massimo Prearo

«Il volume» leggiamo sulla presentazione dell’opera «ripercorre la traiettoria dei movimenti cattolici che, tra la fine del XX e l’inizio del XXI secolo, hanno fatto della lotta contro “la teoria del gender”» e molti altri ambiti quali «la gestazione per altri, […] l’eutanasia ecc., l’occasione di una ricomposizione del campo di mobilitazione e di azione politica cattoliche in Italia». Prearo, apprendiamo ancora, «propone uno studio delle interazioni e delle traiettorie militanti, degli scambi tra partiti e movimento, dei conflitti e degli eventi» partendo «dalla Marcia per la Vita ai Family Day, fino ad arrivare al Congresso mondiale delle famiglie del 2019».

Un libro utile per la comunità Lgbt+

La finalità del saggio è evidente: creare dibattito. «Sia per chi sul campo non ha mai smesso di scontrarsi con questi movimenti» dichiara l’autore, sul suo sito, «sia per chi si chiede da dove salti fuori Adinolfi, perché Costanza Miriano non sia per nulla la simpatica mammina che scrive libri a tempo perso, come abbiano fatto i neocatecumenali romani a importare La manif pour tous francese in Italia, come sia riuscito Gandolfini a diventare il riferimento del nuovo cattolicesimo politico, o perché Matteo Salvini sfoggi rosari e invochi madonne e ognissanti ogni due per tre». Un libro di grande attualità, insomma. Sia per capire il presente, sia per affrontare le sfide politiche che la comunità Lgbt+ incontrerà nella sua strada negli anni a venire.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ddl Zan, movimento Lgbt+ unito: “Rispettare gli impegni e votare la legge”

Si surriscalda il clima in vista della ripresa dei lavori al Senato per il ddl…

26 Ottobre 2021

Le femministe italiane: “Mantenere l’identità di genere nel ddl Zan”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato firmato da diverse esponenti del femminismo italiano, in risposta al…

25 Ottobre 2021

Ddl Zan: il fronte contro l’identità di genere torna all’attacco

Ricomincia l'attacco al ddl Zan da quella parte del femminismo che si definisce "gender critical",…

25 Ottobre 2021

Letta manda Alessandro Zan in esplorazione sulla sua legge

"Chiederò in questi giorni ad Alessandro Zan di fare un’esplorazione con le altre forze politiche…

25 Ottobre 2021

Un museo della storia dell’omosessualit a Torino? La proposta della Fondazione Fuori!

Un museo della storia dell'omosessualità a Torino. E' la proposta che Angelo Pezzana e Maurizio…

24 Ottobre 2021

Torna l’Agender 2022, con un nuovo incredibile look

Per il nuovo anno vogliamo lanciare un messaggio di rinascita e di ritrovamento della parte…

24 Ottobre 2021