Categorie: News

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

“Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia”. E’ questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi alla presidente del Senato Casellati dalla senatrice Monica Cirinnà. Insieme a lei, anche i colleghi Luigi Zanda, Alessandro Alfieri, Roberto Rampi e Franco Mirabelli.
La richiesta è  di autorizzare una missione per poter incontrare il ragazzo che, in base ai capi d’accusa, rischia una condanna a vita.

La lettera per Zaky

“Dal giorno dell’arresto – si legge nella lettera – si susseguono notizie di torture ed episodi di violenza ai danni del giovane e, in occasione dell’udienza di ieri, è stato reso noto che egli si trova attualmente recluso in una cella con altri 35 detenuti e non ha modo di incontrare i propri familiari se non per brevissimi momenti. Inoltre, come dichiarato dai legali e dalla famiglia, non si ha certezza alcuna sulla effettiva consistenza delle accuse, così come sulla durata delle indagini e del processo”.

“La vicenda sta destando grave preoccupazione – prosegue il testo – e, sia in Egitto che in Italia, è in corso una mobilitazione di singoli e associazioni che chiedono di tenere alta l’attenzione sul caso, il quale rievoca tristemente la drammatica fine di Giulio Regeni. Anche il Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, ha chiesto l’immediata scarcerazione del giovane. Pertanto ci rivolgiamo a Lei nella certezza che voglia autorizzare una delegazione di senatrici e senatori a recarsi in Egitto per potere, d’intesa con la rappresentanza diplomatica italiana, visitare la famiglia di Zaki, interloquire con i suoi legali e, se le condizioni lo permetteranno, visitarlo in carcere”.

Incontrare anche la famiglia e i legali

Oltre a verificare le condizioni di detenzione del giovane ricercatore egiziano, l’intenzione è di anche di incontrare la famiglia e i legali.
“Non possiamo abbandonare questo giovane che era in Italia per un master all’Univeristà di Bologna – dichiara a Gaypost.it la senatrice Cirinnà -. Abbiamo, come paese ospite e come membri dell’Unione europea che ha rapporti con l’Egitto, vigilare sul rispetto dei diritti umani. Non possiamo aspettare oltre”.

La polizia ha arrestato Zaky all’aeroporto del Cairo mentre tornava a casa per una vacanza dal suo master in Studi di genere all’Alma Mater. Lo scorso 15 febbraio i giudici di Monsoura hanno rigettato l’istanza di scarcerazione presentata dai legali che avevano già parlato di torture ai danni del ragazzo. Ora c’è attesa per l’udienza prevista per il 22 febbraio prossimo. Intanto continuano le mobilitazioni in sua solidarietà negli atenei di tutta Italia.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Annullato anche il Torino Pride: “Un flash mob e una campagna per comprare mascherine”

Prepariamoci, perché ormai è chiaro che a comunicazioni come questa, come quella del Roma Pride…

6 aprile 2020

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020