Categorie: News

Chelsea Manning via satellite contro la guerra: trionfo a Sidney

Una vera e propria standing ovation per Chelsea Manning, che non potendo partecipare di persona all’Antidote Festival, in Australia, è riuscita comunque a tenere il suo discorso via satellite. L’incontro si è tenuto ieri – 2 settembre – all’Opera House di Sydney. Non potendo recarvisi personalmente, per mancanza del visto che le garantisse di poter lasciare gli Usa, l’ex militare e attivista per i diritti civili ha allora assicurato la sua “presenza” on line, riuscendo a tenere il suo discorso.

Un discorso contro la guerra

Una manifestazione a favore di Chelsea Manning

Un discorso contro la guerra e contro i crimini che l’esercito americano ha perpetrato a danno delle popolazioni civili nelle zone di occupazione militare. Chelsea Manning ha ammesso di essere entrata nell’esercito come analista di intelligence, considerando i conflitti in Iraq e Afghanistan come «equazioni che si potevano risolvere». Poi il bagno di realtà, dopo una missione in Iraq nel 2009. Una realtà durissima, ammette lei stessa: «Una volta che si è immersi in una guerra, ci si rende conto che non si tratta più solo di statistiche».

Attivista per la pace e i diritti Lgbt

L’ex analista di intelligence aveva ricevuto una condanna a trentacinque anni per la violazione della legge sullo spionaggio. Chelsea Manning, infatti, aveva passato a Wikileaks centinaia di migliaia di documenti militari. Alcuni di quei dossier, infatti, riguardavano l’omicidio di molti civili disarmati da parte dell’esercito degli Stati Uniti d’America. L’ex militare, dopo la condanna – dapprima a trentacinque anni, poi ridotta dall’amministrazione Obama che l’ha liberata nel 2017 – ha cominciato la transizione e si è dedicata all’attivismo politico a favore delle persone Lgbt. Per il suo impegno, è stata candidata tre volte al premio Nobel per la pace.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Annullato anche il Torino Pride: “Un flash mob e una campagna per comprare mascherine”

Prepariamoci, perché ormai è chiaro che a comunicazioni come questa, come quella del Roma Pride…

6 aprile 2020

Coronavirus: il Roma Pride rimandato (senza data)

Dopo l'Umbria, anche Roma ferma tutto. Ma non è uno stop completo: il Roma Pride…

5 aprile 2020

La Cassazione ha deciso: la mamma è solo quella che partorisce

Una sola mamma: quella che partorisce. Così si è appena pronunciata la Corte di Cassazione…

3 aprile 2020

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com'è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto "pieni…

1 aprile 2020

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

Una storia assurda, denunciata su Facebook, che arriva direttamente dalla Francia.

1 aprile 2020

TDoV 2020, i corpi e la voci della visibilità transgender in Italia

Ecco le iniziative per celebrare il Transgender Day of Visibility in Italia.

31 marzo 2020