Categorie: News

Chelsea Manning via satellite contro la guerra: trionfo a Sidney

Una vera e propria standing ovation per Chelsea Manning, che non potendo partecipare di persona all’Antidote Festival, in Australia, è riuscita comunque a tenere il suo discorso via satellite. L’incontro si è tenuto ieri – 2 settembre – all’Opera House di Sydney. Non potendo recarvisi personalmente, per mancanza del visto che le garantisse di poter lasciare gli Usa, l’ex militare e attivista per i diritti civili ha allora assicurato la sua “presenza” on line, riuscendo a tenere il suo discorso.

Un discorso contro la guerra

Una manifestazione a favore di Chelsea Manning

Un discorso contro la guerra e contro i crimini che l’esercito americano ha perpetrato a danno delle popolazioni civili nelle zone di occupazione militare. Chelsea Manning ha ammesso di essere entrata nell’esercito come analista di intelligence, considerando i conflitti in Iraq e Afghanistan come «equazioni che si potevano risolvere». Poi il bagno di realtà, dopo una missione in Iraq nel 2009. Una realtà durissima, ammette lei stessa: «Una volta che si è immersi in una guerra, ci si rende conto che non si tratta più solo di statistiche».

Attivista per la pace e i diritti Lgbt

L’ex analista di intelligence aveva ricevuto una condanna a trentacinque anni per la violazione della legge sullo spionaggio. Chelsea Manning, infatti, aveva passato a Wikileaks centinaia di migliaia di documenti militari. Alcuni di quei dossier, infatti, riguardavano l’omicidio di molti civili disarmati da parte dell’esercito degli Stati Uniti d’America. L’ex militare, dopo la condanna – dapprima a trentacinque anni, poi ridotta dall’amministrazione Obama che l’ha liberata nel 2017 – ha cominciato la transizione e si è dedicata all’attivismo politico a favore delle persone Lgbt. Per il suo impegno, è stata candidata tre volte al premio Nobel per la pace.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020

La stanza dei canarini: l’amore tra Giulia e Adele, una storia tutta schiaffi

«Perché è questo che succede quando due si lasciano. Succede che uno decide di morire…

12 settembre 2020