Categorie: News

Facebook rimuove la pagina dei Sentinelli di Milano, ma non gli hater di Paladini

“Pagina rimossa”. E’ questo il messaggio che ieri sera intorno alle 20 gli amministratori della pagina Facebook dei Sentinelli di Milano hanno visto comparire sulla loro pagina.
Più di 100.000 fan, la pagina è ormai punto di riferimento non solo milanese, perché oltre che contro l’omofobia si batte anche contro il razzismo, il fascismo e il bullismo.

Questa volta è diverso

“Non sappiamo perché – spiega a Gaypost.it Luca Paladini, il portavoce dei Sentinelli -. E’ successo altre volte, ma ci hanno sempre segnalato quale fosse il post che violava, a detta loro, gli standard. Ma di solito la pagina è stata bloccata: questa volta risulta rimossa. E’ gravissimo”.
Un’idea di cosa sia successo, i Sentinelli se la sono fatta. Proprio ieri gli amministratori avevano pubblicato la foto del bambino e della donna migranti morti in mare. Altre due vite spezzate mentre cercavano una vita migliore, ma si sono imbattute nelle politiche di chiusura totale del governo italiano.

Il post virale e una crescita imprevista

“Il post ha fatto in pochissimo tempo 1 milione e mezzo di visualizzazioni e moltissime condivisioni – continua Paladini – e la pagina ieri è cresciuta in modo impressionate: circa 2000 nuovi fan”.
Ad avvalorare questa tesi, il fatto che post con la stessa immagine sono stati rimossi da moltissimi profili privati, nelle scorse ore.

Profili “sospetti”

Che qualcosa di strano stesse succedendo, gli amministratori lo sospettavano. “Abbiamo notato diversi profili “strani” tra i nuovi like alla pagina. Profili senza foto o con nomi palesemente finti. Però abbiamo deciso di non bloccarli d’ufficio solo sulla base di un sospetto”.
Chissà che non siano stati proprio quei profili a organizzare una segnalazione di massa che ha portato alla rimozione della pagina.
“Oltre al danno, la beffa – prosegue il portavoce -. Ora il mio stalker e quello di mio marito sta commentando i nostri post prendendoci in giro per l’accaduto e continuando ad insultarci con il suo solito linguaggio”.

Continuano le minacce

Commenti di questo tipo: “Vecchio maiale frocio che usa i morti annegati, soprattutto i bambini, per odiare e ottenere 4 righe di propaganda pedofila. Sei da ammazzare e scannare nei peggiori dei modi”. Segue la foto di un maiale in un lago di sangue.
“La cosa surreale è che Facebook blocca la nostra pagina ma non questo tizio – commenta Paladini -. Insieme a Cathy La Torre (avvocata ed attivista, ndr) stiamo contattando Facebook Italia e contiamo di ripristinare la pagina prima possibile”.

Una valanga di solidarietà

Intanto però, è partita una vera e propria mobilitazione di solidarietà.
“In migliaia stanno scrivendo ad abuse@facebook.com per chiedere il ripristino della pagina – conclude -. Non avremmo voluto testarla in questo modo e sapevamo di avere intorno una buona comunità, ma davvero stiamo ricevendo una quantità incredibile di messaggi. Non riusciamo neanche a gestirli tutti”.
Tra gli altri, sono arrivati i messaggi dell’assessore alla Cultura di Milano Filippo del Corno, dell’assessore ai Diritti Pierfrancesco Majorino e di Saverio Tommasi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Presunta omofobia in una scuola di Ragusa: cosa sappiamo del caso

"Gay e lesbiche andrebbero esorcizzati", frase choc in una scuola nel ragusano.

23 febbraio 2021

Omofobia, insultato nella sua casa di campagna: la denuncia dello scrittore Mandetta

Lo scrittore pubblica la sua foto in lacrime, dopo gli insulti ricevuti nel suo podere…

22 febbraio 2021

Famiglie Arcobaleno contro Raggi: “Costretti a mentire, per iscrivere i bimbi a scuola”

Il sistema informatico di Roma Capitale non dà la possibilità di inserire i nomi di…

17 febbraio 2021

Cosa ha detto Draghi sulle politiche di genere nel suo discorso per la fiducia

Il neo presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha pronunciato oggi al Senato il discorso con…

17 febbraio 2021

La Corte d’Appello assolve Pillon: “Attacchi all’associazione lgbt non sono reato”

La Corte d'Appello di Perugia ha ribaltato la sentenza di primo grado con la quale…

15 febbraio 2021

Governo Draghi, agli Affari giuridici nominato giudice contrario al matrimonio egualitario

Una nomina che fa discutere, per le idee di Carlo Deodato sul matrimonio egualitario.

15 febbraio 2021