Categorie: News

Cirinnà a Lamorgese: “Cancelli il decreto di Salvini che discrimina i bimbi arcobaleno”

Dopo la strigliata dei giorni scorsi fatta al suo partito, Monica Cirinnà tuona dai banchi di Palazzo Madama e si rivolge alla ministra Lamorgese. Alla nuova titolare dell’Interno chiede di fare un passo indietro sul decreto del suo precedessore, Salvini, che aveva reintrodotto la dicitura padre e madre sui documenti dei minori.

L’INTERVENTO

I PUNTI SALIENTI

La senatrice Monica Cirinnà ha dunque chiesto alla neo ministra dell’Interno Lamorgese di fare un passo indietro e di cancellare il decreto di Matteo Salvini che aveva reintrodotto la dicitura padre e madre sui documenti dei minori. Il provvedimento voluto dall’ex inquilino del Viminale, secondo la senatrice dem, sarebbe stato uno dei più odiosi proposti dall’ex maggioranza giallo-verde. Un decreto che, sempre secondo la senatrice Dem, avrebbe «tagliato con l’accetta esperienze familiari della nostra società ed esponendo a discriminazioni intollerabili per i bambini e le bambine sulla base della famiglia in cui crescono».

INGERENZE PESANTISSIME: LA STOCCATA A SALVINI

Monica Cirinnà ha definito il decreto di Salvini “un’ingerenza pesantissima nella vita famigliare e intima dei bambini e delle loro famiglie”. Un «atteggiamento – dice – tipico di una certa incultura politica che ignora certe esperienze di vita e che la taglia consapevolmente con l’accetta dell’ideologia e dell’oscurantismo».

GRAVE, VERGOGNOSO E PERICOLOSO

Non usa mezzi termini Monica Cirinnà. E nel parlare del decreto del precedente governo usa parole come “grave, vergognoso e pericoloso”. «Mi auguro – termina Cirinnà – che venga al più presto rimosso dal nostro ordinamento giuridico. E mi rivolgo in tal senso alla ministra Lamorgese».

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020

L’omotransfobia ha ucciso Maria Paola e mandato Ciro in ospedale

Ciro e Maria Paola sono vittime di omotransfobia e misoginia. Non sappiamo molto della loro…

13 settembre 2020

Insulti a coppia gay in viaggio di nozze: lo chef disegna un pene sul piatto

Una brutta sorpresa, per una coppia di uomini in viaggio di nozze in Puglia.

12 settembre 2020

La stanza dei canarini: l’amore tra Giulia e Adele, una storia tutta schiaffi

«Perché è questo che succede quando due si lasciano. Succede che uno decide di morire…

12 settembre 2020