Categorie: News

Consiglio d’Europa contro la Russia: “Clima omotransfobico”. La replica: “Punti di vista”

In Russia il tono razzista e omo-transfobico è ampiamente usato nei discorsi pubblici e manca ancora una legislazione globale russa contro la discriminazione.
Questi sono alcuni dei risultati chiave del nuovo rapporto sulla Federazione russa pubblicato dall’organo antirazzismo del Consiglio d’Europa, la Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza (ECRI), che copre il periodo dal 2013 fino al giugno 2018.

Le persone LGBT “minaccia ai valori tradizionali”

Particolarmente preoccupante è il fatto, osserva il rapporto, che tali sentimenti siano alimentati dal presidente russo Vladimir Putin e dalla Chiesa ortodossa russa, guidata dal patriarca Kirill, che vedono le persone LGBT come una minaccia ai “valori tradizionali”.

“Effetti agghiaccianti”

Inoltre “il sovrautilizzo e l’abuso della legislazione anti-estremismo continua a destare preoccupazione, con il numero di procedimenti estremamente elevati e in aumento ogni anno e con solo lo 0,4% dei casi che terminano con assoluzione. La procedura per bloccare l’accesso ai siti Web può essere utilizzata per filtrare Internet e reprimere il dissenso. La legge sugli “agenti stranieri” e la sua pesante applicazione minano l’attivismo civile. Gli emendamenti del 2013 che vietano la fornitura di informazioni ai minori che promuovono le cosiddette relazioni sessuali non tradizionali sono ambigui e hanno avuto un effetto agghiacciante sui gruppi che lavorano per le persone LGBT“.

La replica della Russia

L’ECRI riconosce comunque che sono stati compiuti progressi a livello istituzionale in Russia per contrastare i reati di odio e il numero di omicidi razzisti e di attacchi neonazisti è diminuito negli ultimi anni.
E offre a Mosca la possibilità di replica. In appendice vi è infatti il commento russo, ossia quanto viene indicato come: “Punto di vista del governo russo”.
Nella replica la Russia contesta punto per punto le critiche rivolte. “I concetti di estremismo e i corrispondenti divieti criminali e amministrativi formulati dal legislatore soddisfano il compito di proteggere i valori costituzionali, i diritti e le libertà dei cittadini. Tuttavia, ciò non preclude il miglioramento”, si legge nell’appendice.

“Approccio soggettivo”

Mosca parla di “un approccio soggettivo” della Commissione e rimprovera “l’uso delle informazioni pubblicate da fonti non ufficiali senza il dovuto riguardo per le statistiche ufficiali del governo e anche fuori dal contesto”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020