News

Consiglio d’Europa contro la Russia: “Clima omotransfobico”. La replica: “Punti di vista”

In Russia il tono razzista e omo-transfobico è ampiamente usato nei discorsi pubblici e manca ancora una legislazione globale russa contro la discriminazione.
Questi sono alcuni dei risultati chiave del nuovo rapporto sulla Federazione russa pubblicato dall’organo antirazzismo del Consiglio d’Europa, la Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza (ECRI), che copre il periodo dal 2013 fino al giugno 2018.

Le persone LGBT “minaccia ai valori tradizionali”

Particolarmente preoccupante è il fatto, osserva il rapporto, che tali sentimenti siano alimentati dal presidente russo Vladimir Putin e dalla Chiesa ortodossa russa, guidata dal patriarca Kirill, che vedono le persone LGBT come una minaccia ai “valori tradizionali”.

“Effetti agghiaccianti”

Inoltre “il sovrautilizzo e l’abuso della legislazione anti-estremismo continua a destare preoccupazione, con il numero di procedimenti estremamente elevati e in aumento ogni anno e con solo lo 0,4% dei casi che terminano con assoluzione. La procedura per bloccare l’accesso ai siti Web può essere utilizzata per filtrare Internet e reprimere il dissenso. La legge sugli “agenti stranieri” e la sua pesante applicazione minano l’attivismo civile. Gli emendamenti del 2013 che vietano la fornitura di informazioni ai minori che promuovono le cosiddette relazioni sessuali non tradizionali sono ambigui e hanno avuto un effetto agghiacciante sui gruppi che lavorano per le persone LGBT“.

La replica della Russia

L’ECRI riconosce comunque che sono stati compiuti progressi a livello istituzionale in Russia per contrastare i reati di odio e il numero di omicidi razzisti e di attacchi neonazisti è diminuito negli ultimi anni.
E offre a Mosca la possibilità di replica. In appendice vi è infatti il commento russo, ossia quanto viene indicato come: “Punto di vista del governo russo”.
Nella replica la Russia contesta punto per punto le critiche rivolte. “I concetti di estremismo e i corrispondenti divieti criminali e amministrativi formulati dal legislatore soddisfano il compito di proteggere i valori costituzionali, i diritti e le libertà dei cittadini. Tuttavia, ciò non preclude il miglioramento”, si legge nell’appendice.

“Approccio soggettivo”

Mosca parla di “un approccio soggettivo” della Commissione e rimprovera “l’uso delle informazioni pubblicate da fonti non ufficiali senza il dovuto riguardo per le statistiche ufficiali del governo e anche fuori dal contesto”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Cosa rischiamo in caso di vittoria delle destre e non solo noi persone Lgbt+

Tra poco più di un mese e mezzo ci saranno le elezioni anticipate e la…

8 Agosto 2022

Elezioni, la strada dei diritti: cosa chiedono le associazioni LGBTQIA+ ai partiti

Ci sono le principali associazioni LGBTQIA+ italiane, insieme a realtà locali di tutto il Paese.…

4 Agosto 2022

Al via il progetto Lambda, il centro antiviolenza in Sicilia per persone Lgbt+

Partirà a settembre il progetto Lambda, il primo centro antiviolenza in Sicilia orientale (con due…

3 Agosto 2022

Attacco al Coming-Aut LGBTI+ di Pavia: vandalizzata la sede

L'omofobia purtroppo non va in vacanza e soprattutto d'estate sembra regalarci momenti di cui faremmo…

2 Agosto 2022

Famiglie arcobaleno: perché la stepchild adoption non è la soluzione

Sul fatto che il riconoscimento alla nascita delle figlie e dei figli delle coppie omogenitoriali…

2 Agosto 2022

Avvocata del Cassero LGBTI+candidata con Adinolfi: la risposta dell’associazione

Ieri abbiamo raccontato la storia di un'avvocata del team giuridico del Cassero LGBTI+ Center, storica…

31 Luglio 2022