Categorie: News

Tutto quello che c’è da sapere sullo sciopero globale delle donne dell’8 Marzo

Saranno le donne di più di cento paesi del mondo a scioperare venerdì 8 marzo – giornata internazionale della donna. In Italia lo sciopero generale dura ventiquattr’ore, coinvolge il settore pubblico e quello privato, ed è organizzato da Non una di meno, che lo proclama per il terzo anno consecutivo. Non soltanto uno sciopero dal lavoro però, si tratterà dell’astensione da ogni attività di cura e di consumo. In settanta città italiane si svolgeranno manifestazioni e presidi.

Per cosa si sciopera?

Le attiviste di Non una di meno sul loro sito hanno chiarito che lo sciopero è stato indetto per protestare contro tutte le forme di violenza maschile sulle donne: dalla disparità salariale tra uomini e donne, agli ostacoli alla loro libertà riproduttiva, fino al sessismo, all’omofobia e al razzismo. Potete leggere qui il vandecum per lo sciopero 2019.
Una protesta all’insegna dell’intersezionalità che coinvolge anche il tema dell’antirazzismo contro la recente approvazione del decreto sicurezza e immigrazione.
In Italia lo sciopero è stato già proclamato da diverse sigle sindacali di base. Questo significa che qualunque lavoratore o lavoratrice può partecipare grazie alla copertura sindacale generale, anche senza essere iscritto a una delle sigle aderenti.

Come si sciopera?

Sarà possibile aderire anche nei luoghi di lavoro in cui non è presente uno dei sindacati che hanno indetto lo sciopero e indipendentemente dal fatto che la lavoratrice sia iscritta al sindacato. La comunicazione dello sciopero arriverà all’azienda direttamente dalla Commissione di garanzia, dalla regione o dall’associazione alla quale l’azienda fa riferimento.
Scuole statali, ospedali e servizi sanitari pubblici territoriali ricevono comunicazione dello sciopero tramite una circolare che il ministero dell’istruzione e la regione sono tenuti a inviare in ogni singola scuola e a ogni direzione di ente ospedaliero o Asl. Nel settore sanità e per molte altre categorie che usano la turnazione, la copertura parte dal primo turno della mattina dell’8 marzo e finisce all’inizio del primo turno della mattina del 9 marzo; tutte le lavoratrici possono quindi scioperare indipendentemente dal turno cui sono assegnate: sia la mattina, sia il pomeriggio sia la notte.

Chi non ha un lavoro?

Un problema comune è quello della disoccupazione. Quindi come si partecipa? L’adesione può essere simbolica: può bastare appendere uno striscione fuori casa; evitare di controllare le mail per un giorno—magari impostando una risposta automatica ad hoc, che motivi la propria assenza in relazione allo sciopero—o vestirsi di nero e fucsia, i colori che rappresentano la protesta.

Dove?

Saranno moltissimi gli eventi, i picchetti, le manifestazioni di piazza che si terranno in più di 40 città italiane, in cui oltre a urlare marciare e rivendicare si dimostreranno anche fisicamente la propria presenza e il proprio diritto allo spazio pubblico.

Si prepara Milano con due orari da tenere presente: alle ore 9.00, concentramento in piazza Oberdan; alle ore 18.00, corteo serale in piazza Duca d’Aosta.

Anche Roma partirà alle ore 9.00, un presidio presso il Ministero della Salute, Lungotevere Ripa 1, per mettere in luce che la qualità della salute dipende dalle condizioni di lavoro delle operatrici e operatori socio-sanitari; per l’internalizzazione del personale precario e per un piano di nuove assunzioni nei consultori; per il diritto alla salute e la libertà di scelta; per consultori e ospedali laici, aperti e finanziati.
Alle ore 10.30, appuntamento al Ministero del Lavoro, per ribadire l’importanza di uno dei claim più importanti del movimento Non una di meno: il reddito di autodeterminazione, ma anche per la battaglia per un salario minimo europeo e un welfare universale, congedi retribuiti e obbligatori per maternità veramente condivisa. Un presidio contro le discriminazioni delle donne nel mercato del lavoro, contro la disparità salariale.

A Catania a partire dalle 10.30 del mattino avrà luogo un presidio davanti al Tribunale; alle ore 17 è previsto il raduno dei manifestanti in piazza Roma, mentre la partenza del corteo è fissata per le ore 18.

Qui di seguito trovate la mappa degli eventi italiani con tutti i dettagli e dei circa 70 paesi del mondo che aderiscono (in aggiornamento).

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020

Invece di impedire la Gpa, le nostre parlamentari si impegnino per migliorare la scuola pubblica

Fondi per la scuola pubblica non ce ne sono, ma la politica pensa a criminalizzare…

10 ottobre 2020

Proud Boys, l’amore tra gay sconfigge l’odio dell’estrema destra americana

Un caso di hijacked, o dirottamento semantico, che spunta le armi all'estrema destra razzista e…

6 ottobre 2020

Belgio, Petra De Sutter: la prima donna transgender nominata vicepremier in Europa

Per la prima volta nella storia, una donna transgender diventa vicepremier in un paese europeo.

4 ottobre 2020