Categorie: News

Binarismo addio: il 40% degli italiani si sente “un po’ uomo e un po’ donna”

L’identità è fluida. Non è lo spirito del gender ma del tempo. Quattro italiani su dieci affermano di sentirsi “Un po’ uomo e un po’ donna”. In Italia solo il 61 per cento si identifica pienamente con il sesso assegnato alla nascita. Mentre il 36 per cento dice di avere un’identità incerta, o di riconoscersi assolutamente in alcun genere (uno su dieci).

La ricerca di Italiani.coop

Lo riporta L’Espresso, citando i dati della ricerca Gli italiani & il sesso condotta da Italiani.coop, centro di ricerca dell’Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori Coop, che studia e analizza i mutamenti socio-economici degli italiani.
Il report parte dai risultati dell’indagine Stili d’Italia, condotta tra maggio e giugno 2018 con metodologia Cawi su un campione di 7 mila individui tra i 18 e i 65 anni.
«Il sesso per gli italiani non è più un tabù e lo dimostra il fatto che le persone intervistate non hanno avuto problemi a raccontarsi e dichiararsi a proposito delle proprie tendenze sessuali e di genere», racconta a L’Espresso Albino Russo, direttore di Italiani.coop, che conferma come «l’errore statistico di questa ricerca è piuttosto basso e quella ottenuta è una fotografia molto nitida delle tendenze della popolazione».

Si dissolve così, in questa ricerca, il binarismo di genere. Sono soprattutto i maschi giovani a non volersi inchiodare a un genere preciso. Circa il 22 per cento degli under 35.

“Chi non lavora non fa l’amore”

In penombra si può leggere un altro dato: i giovani tendono anche ad essere meno attivi sessualmente.
Un italiano su quattro dichiara di avere una vita sessuale attiva e soddisfacente, ma il 17 per cento dei Millennials, cioè persone con meno di 35 anni, dichiara di non avere rapporti e di essere totalmente disinteressato. Una questione che va a ricercarsi tra le pieghe dei problemi economici: la disoccupazione giovanile non facilita “l’abbandono del nido famigliare e questo riduce la possibilità di avere una vita sessuale attiva”, spiega Russo, riferendosi al triste primato italiano del 26 per cento di giovani con meno di 34 anni che non lavora e non studia, contro una media europea del 15 per cento.

Il 71 per cento di chi ha un reddito famigliare superiore ai novanta mila euro risulta anche essere soddisfatto della propria vita sessuale, mentre solo il 58 per cento di chi guadagna meno di 30 mila euro l’anno la pensa allo stesso modo.
Il sesso risente delle preoccupazioni, come sostiene la correlazione fra una scarsa vita sessuale e chi soffre di stress, ansia, insonnia e depressione.

Il sesso è social

Il perno di questa nuova rivoluzione sessuale è stato il web. I social per conoscere persone nuove vengono usati soprattutto dagli uomini: il 47 per cento dei maschi dichiara di chattare con sconosciuti almeno una volta al mese, contro il 29 per cento delle donne. L’app Tinder, ad esempio, viene utilizzata dall’otto per cento degli uomini e dal quattro per cento delle donne. I più assidui sono i Millennial: il 20 per cento lo usa o l’ha utilizzato in passato.

Meno ignoranza

La metà degli italiani riesce a declinare sigle come Bdsm (Bondage e sadomaso) o Lgbt, ma anche parole come poliamorosi. Rispetto al passato gli italiani non sono spaventati dalla realtà Lgbt, come spiega il direttore di Italiani.Coop che fotografa con una frase il paese: “C’è molta più diffidenza rispetto allo straniero rispetto alle comunità gay”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Oltre 50 arresti e pestaggi della polizia contro la comunità lgbt+ in Polonia

>"Le istituzioni internazionali intervengano immediatamente per proteggere i cittadini". E' l'appello disperato di Ilga Europe…

8 agosto 2020

Non serve il ricovero per la pillola abortiva: Tesei smentita dal ministero

Il ministero della Salute fa, finalmente, chiarezza sul ricorso alla Ru486, la cosiddetta pillola abortiva:…

8 agosto 2020

Omofobia al ristorante: si lamentano del servizio, proprietario li insulta

Tre clienti si lamentano per il servizio al ristorante, ma il proprietario li insulta con…

6 agosto 2020

La Campania ha approvato la sua legge contro l’omolesbobitransfobia

Un'altra regione dice sì alla legge contro l'omofobia, la transfobia, la lesbofobia e la bifobia.…

5 agosto 2020

Legge Zan oggi alla Camera: la Lega presenta l’eccezione di costituzionalità

Sta per iniziare alla Camera dei Deputati la discussione sulla legge Zan contro le discriminazioni…

3 agosto 2020

L’Atlantide della memoria: “Città sommersa” di Marta Barone

Nella letteratura italiana di oggi si stia tracciando un filone ibrido tra memoria, autobiografia e…

1 agosto 2020