Categorie: News

Platinette difende Libero: “Non è omofobo. Prima che finocchio sono italiano”

«Io non mi sono offeso. Erano chiari l’intento provocatorio e scherzoso e la mancanza di una volontà di insultare». Con queste parole Mauro Coruzzi, meglio conosciuto come Platinette prende le difese di Libero dopo il vespaio di polemiche provocato dal titolo “Calano fatturato e Pil ma aumentano i gay” che apriva il quotidiano mercoledì 23 gennaio.

“Ormai in Italia siamo accettati”

Platinette con il titolo di Libero finito nella bufera (Fonte: Twitter)

Con una lunga intervista ripresa in prima smonta chi accusa il quotidiano di omofobia: ”

Prima che finocchio o gay, io sulla carta d’identità ho scritto italiano, mi rapporto con questo Paese e ti dico che noi omosessuali non abbiamo più bisogno di invocare quote e fare battaglie di categoria che affermino il diritto alla nostra diversità per mirare poi a essere trattati come gli altri. Ormai in Italia siamo ovunque, pienamente accettati. Non c’è intolleranza verso di noi. Guarda la tv, che è il metro popolare del mondo attuale”. Mauro Coruzzi si dice inoltre infastidito dal fatto che “La tutela dei gay sia diventata un campo esclusivo della sinistra” e aggiunge “Sfuggo il pregiudizio ideologico per cui non si può essere gay se non si è di sinistra. Se così fosse, Berlusconi dovrebbe chiudere Mediaset, dove sono quasi tutti finocchi”.

“Boicottare Libero? Una violenza”

Platinette critica anche la campagna di boicottaggio che portato due aziende (Ristora e Menarini) a ritirare la propria pubblicità dal giornale:

“È una violenza, una reazione peggiore del danno prodotto dal titolo, che rischia di rivelarsi un boomerang su chi la mette in atto. Chi vuole battersi perché i gay siano accolti, accolga anche la diversità di Libero, pure se non lo condivide. Altrimenti finite per essere voi i veri discriminati”.

“Scusatevi per calmare le acque e andate in una discoteca gay”

Infine di fronte alla minaccia di una sanzione disciplinare da parte dell’Ordine dei Giornalisti aggiunge:

“Voi dovreste fare meno titoli che scaldano il pentolone e la sinistra non dovrebbe incazzarsi per i vostri titoli” con un piccolo suggerimento “Io farei una leggera ammissione di colpevolezza, per calmare le acque e rendere più democratico il monarca. Poi mi dichiarerei disponibile a emendare, magari facendo i servizi sociali presso una discoteca gay, per compensare il danno morale”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020