Categorie: News

Coronavirus: i pieni poteri di Orbán si abbattono sulle persone trans

Com’è noto, con un voto del parlamento, il premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto “pieni poteri” chiesti, formalmente, per gestire l’emergenza coronavirus.
In buona sostanza, tutti i poteri dello stato sono ora accentrati nelle sue mani, con l’avallo della maggioranza parlamentare, tutta del suo partito nazionalista.
Con il passare dei giorni, però, la questione coronavirus si rivela sempre più un alibi che il premier ha deciso di usare per intervenire in altri ambiti che niente hanno a che vedere con la pandemia.

La “Legge insalata” di Orbán

E’ di ieri, ad esempio, la proposta di legge T/9934 ribattezzata dalla stampa indipendente “Salátatörvény” (letteralmente “legge insalata”). Tra le cose “curiose” che la legge prevede c’è che il primo ministro decide a chi dare fondi per le celebrazioni del 30esimo anniversario dell’indipendenza che di celebra il prossimo anno. In questo senso, a Mária Schmidt, direttrice della Casa del Terrore e fedelissima di Orbán, andranno la maggior parte dei fondi stanziati. Ancora, il governo può liberamente decidere quali zone urbane e rurali possono essere interessate da grandi opere come parcheggi, hotel, palazzi. Tra queste rientra anche l’area protetta del parco di Városliget, il primo parco pubblico del mondo con un’estensione di 100 ettari.
Ma non è tutto.

Contro le persone trans

Nel “minestrone” della legge c’è anche una proposta che riguarda le persone trans. Il cambio di nome per loro non sarà più possibile. La legge, infatti, introduce il “sesso di nascita”. L’unica caratteristica che definisce il genere delle persone è “il genere basato sui caratteri sessuali primari e sui cromosomi”. E’ esclusa, quindi, anche la possibilità di scegliere e registrare all’anagrafe un altro nome anche dopo un eventuale terapia ormonale e/o intervento per la riassegnazione.
Quando la proposta di Orbán sarà approvata (difficile sperare che questo non accada dato che il suo partito, Fidesz ha la maggioranza di 2/3 del parlamento), il dato F (férfi – uomo) o N (Nő – donna) non potrà essere modificato in alcun modo.
Alcune proposte contenute nella legge sono state modificate perché avevano provocato le proteste di molti sindaci a cui venivano tolti alcuni poteri. Ma quella che riguarda le persone trans difficilmente subirà modifiche perché non ci sono gruppi di pressione a cui Orbán è sensibile e a cui potrebbe dare ascolto.

Si ringrazia Andrea Giuliano per la collaborazione

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ungheria, il partito di Orban vuole una legge per vietare di parlare di temi Lgbt a scuola

"Ogni testo di propaganda o promozione dell'omosessualità è dannoso per i minorenni", per Fidesz.

13 Giugno 2021

Eva, picchiata per una borsa arcobaleno: un caso che spiega “per chi” serve la legge Zan

Non sappiamo se Eva sia una ragazza lesbica o meno. Sappiamo che la sua aggressione…

12 Giugno 2021

Fuori i nomi, il libro di Simone Alliva che racconta i 50 anni della comunità Lgbt+ italiana

C'è vita sussurrata, narrata o addirittura urlata, nelle pagine di Fuori i nomi. E non…

11 Giugno 2021

Ddl Zan, Scalfarotto (IV): “La destra vuole solo perdere tempo: si vada in aula compatti”

"Italia viva è una di quelle forze politiche che ha fortemente voluto il ddl Zan.…

10 Giugno 2021

Omofobia sul tram a Roma: prima insulta 2 asiatiche, poi minaccia il ragazzo che le difende

"Vieni de fori, te sfonno la faccia", così l'uomo ha aggredito un giovane sui mezzi…

4 Giugno 2021

Torino Pride in piazza il 5 giugno: “Nessun compromesso sul ddl Zan”

Il 5 giugno, sabato, Torino scende in piazza per sostenere il ddl Zan. La manifestazione,…

3 Giugno 2021