Categorie: News

Trovato in un lago vicino Roma il corpo di una donna trans scomparsa 50 giorni fa

Il corpo di una donna trans scomparsa 50 giorni fa a Lanuvio è stato ritrovato nel lago di Nemi, ai Castelli Romani. Si tratta di Ximena Garcia, una trentenne di origini argentine la cui scomparsa era stata denunciata dal marito, Stefano.
A segnalare la presenza del corpo è stato un pescatore che lo ha avvistato in mezzo al lago, in località Fiocina.
Secondo quanto riporta Fanpage, il corpo era in avanzato stato di decomposizione, ma i carabinieri non hanno dubbi sul fatto che si tratti proprio di Ximena Garcia. A favorire l’identificazione, un tatuaggio sulla schiena e la sim del cellulare trovato in tasca alla donna.

La denuncia del marito su Facebook

A denunciare la scomparsa della donna era stato il marito con un post su Facebook. “Ciao a tutti. Lei è mia moglie Ximena – aveva scritto l’uomo – per chi non la conoscesse. Vi prego vi chiedo aiuto. Lunedì 22/01 in giornata è uscita da casa e non è più rincasata ha il cellulare spento e non la ha più sentita nessuno. Vi chiedo aiuto, non so più che fare quando andate in giro date una occhiata e guardate se la vedete. Fermatela e ditegli di farsi sentire anche la sua famiglia in argentina è preoccupata. fatemi sapere se la vedete”.

Uscita di casa dopo un litigio con lui

Ora i carabinieri seguono la pista dell’omicidio e si pensa che la morte di Ximena risalga a poche ore dopo la scomparsa, anche se non sono ancora stati effettuati i rilievi del caso sul suo corpo. L’autopsia sarà eseguita oggi. Quello che si sa è che la donna era uscita di casa dopo un litigio proprio con il marito, che è già stato sentito dai carabinieri.

L’appello a “Chi l’ha visto?”

Della sua scomparsa si era occupata anche Federica Sciarelli nella sua trasmissione “Chi l’ha visto?”. Proprio da Rai Tre era partito l’appello della mamma e della sorella di Ximena Garcia che si erano collegate dall’Argentina per chiedere aiuto nelle ricerche della donna.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Bologna: il Tribunale per i minori segna un altro passo avanti per i diritti dei bimbi arcobaleno

Una famiglia arcobaleno ha ricevuto una sentenza che segna un nuovo passo avanti nella battaglia…

10 luglio 2020

Omofobia: tenta suicidio a 24 anni. Zan: «Scrivere pagine nuove di inclusione»

Un tentato suicidio, per fortuna finito bene grazie all'intervento delle forze dell'ordine.

8 luglio 2020

Primario omofobo a Varese: quando le cure non sono un servizio ma qualcosa da meritarsi

Cosa ci insegna la storia del chirurgo di Varese, che ha insultato con parole omofobe…

8 luglio 2020

Arriva in Italia il festival europeo dei cori LGBTQ+ (posticipato causa Covid)

Posticipato al 2023. Various Voices, il festival europeo dei cori Lgbtq+, è solo l'ultimo dei…

7 luglio 2020

Le femministe a favore della legge Zan: “Il nemico comune è la misoginia”

"Il testo punisce discriminazioni e violenza. Perché sta divenendo un terreno di scontro così acceso?"

6 luglio 2020

“Contro l’eterofobia”: Facebook censura il video satirico

L'attore: Censurare il video vuol dire dare potere e tempo a chi organizza ingiuste segnalazioni…

5 luglio 2020