Categorie: News

“Siete gay, siete più esposti al covid-19, lasciate casa vostra”: coppia minacciata in Francia

«Vi preghiamo di lasciare la residenza, perché sappiamo che gli omosessuali sono i primi ad essere contagiati dal covid-19». È questo il messaggio che David Eck si è visto recapitare dal suo compagno, dopo averlo trovato sul parabrezza della propria vettura. Un invito ad abbandonare la propria abitazione, dunque, che assume i toni della minaccia: «Questo è il primo avvertimento» conclude il messaggio anonimo, scritto su carta a penna. Una storia che ha dell’incredibile e che coinvolge una coppia di uomini francesi che vive a Marsiglia. David però non ci sta e ha denunciato tutto in un video, poi ripreso su Facebook.

Il covid-19 non guarda se una persona è gay per colpirla: se ne frega

Il biglietto con le minacce alla coppia gay

Il ragazzo racconta che il marito era andato a lavorare. Ma poco dopo è risalito a casa: portava con sé un foglietto in cui c’era scritto di andar via. All’inizio David ha pensato che l’anonimo vicino, che gli aveva fatto recapitare il messaggio, avesse timore per il suo lavoro, visto che fa il paramedico in una struttura sanitaria. Poi però ha letto quelle parole, dichiarando tutta la sua costernazione: «Be’, ti guardi comunque alle spalle, perché ricevere parole del genere ti suggerisce che la persona non sta bene, potrebbe non avere tutta l’educazione necessaria per comprendere i fatti scientifici». Un virus, continua ancora David, non guarda se sei gay per attaccarti, il virus «se ne frega» dice ancora.

Tra punizioni divine e nuovi untori

David ha dunque condiviso l’immagine del biglietto recapitato che è divenuto subito virale. Tanta è stata la solidarietà espressa sul suo profilo ed egli stesso ammette che non avrebbe mai immaginato di ricevere tutta quest’attenzione. Sempre nel video, dichiara che molta gente gli ha detto che è disposta a fare una grande protesta sotto casa sua – verosimilmente ad emergenza finita – ma lui sostiene di non essere interessato a fomentare la polemica. «Non voglio ribattere all’odio, credo che sia inutile», commenta infine. L’associazione tra covid-19 e omosessualità non è una notizia nuova di zecca. Qualche settimana fa un consigliere molto vicino a Trump ha parlato di punizione divina per le società Lgbt+ friendly. Adesso siamo arrivati agli untori.

Si ringrazia Irene Cannone per la consulenza linguistica.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Inizia il mese dell’orgoglio lgbt+: bruciata bandiera arcobaleno in provincia di Pisa

La bandiera con i colori dell'orgoglio lgbt+ appesa fuori dalla casa di una famiglia arcobaleno…

1 giugno 2020

“Arcilesbica fuori dall’Arci”, la raccolta di firme per l’espulsione dalla federazione

Affermazioni sono lesive della dignità delle persone trans*, secondo i firmatari e le firmatarie.

28 maggio 2020

Matrimonio egualitario in Costa Rica, il paese più felice del mondo

Le nozze per tutti e tutte legali dalla mezzanotte di ieri nel paese centro-americano.

26 maggio 2020

Fico: “Le discriminazioni riguardano tutti: avanti con la legge su omotransfobia”

"Quando si parla di discriminazioni siamo coinvolti tutti e dobbiamo superarle". Così poco fa a…

19 maggio 2020

Ungheria: il Parlamento approva la legge di Orban contro le persone trans

E' ufficiale. In Ungheria il Parlamento ha approvato la proposta del primo ministro Orban di…

19 maggio 2020